Home | Profilo | Discussioni Attive | Utenti | Download | Cerca nel web | Cerca | FAQ
Nome Utente:
Password:
Salva Password
Password Dimenticata?

 Tutti i Forum
 moralia minima
 la guerra
 Il posto della letteratura

Nota: Devi essere registrato per poter inserire un messaggio.

Larghezza finestra:
Nome Utente:
Password:
Messaggio:

* Il codice HTML è ON
* Il Codice Forum è OFF

   
    

V I S U A L I Z Z A    D I S C U S S I O N E
Markel Posted - 03/04/2003 : 15:51:55
In un forum che tratta di libri, di lettura e di scrittura, mi sembra lecito porre un quesito vecchio come il mondo ma che forse non è del tutto sbagliato riproporre adesso.
E desidero farlo soprattutto perché frequentandolo, questo forum, non posso fare a meno di apprezzarne l’intelligenza e la cultura dei suoi frequentatori, la loro brillantezza e perspicacia, ma anche la tendenza ad esercizi di speculazione intellettuale, piacevoli, utili, a volte necessari e gratificanti quanto si vuole, ma altre volte, forse, velatamente stucchevoli. Allora perché non aprire una piccola parentesi sul presente, sul mondo reale, su quest’oceano del quale, bene o male, siamo gocce anche noi?
Ho sentito pochissime voci di intellettuali (spero per mia disinformazione) che abbiano preso posizione sulla situazione internazionale attuale, sulla guerra, sulla geopolitica cinica e sulla crudeltà di una dittatura che sono il limo sul quale questa guerra è nata ed è cresciuta. Nessun letterato, a parte Dario Fo (e forse Oriana Fallaci), che abbia detto “io sono a favore perché…”, “io sono contrario perché…”.
Sono secoli che si discute sul ruolo della letteratura, se, in quanto forma d’arte, debba avere anche una sua “funzione” sociale o debba essere fine a sé stessa, “l’arte per l’arte”. Eppure se l’intellettuale, in particolare lo scrittore, ha la fortuna di essere un privilegiato, di poter vedere lontano, dove noi non riusciamo a vedere, di cogliere e penetrare il senso ultimo e nascosto delle cose, perché non lo fa? E se lo fa, perché tiene le sue considerazioni per sé? E secondo voi sarebbe giusto e legittimo che il mondo della cultura prendesse una posizione (qualsiasi essa fosse, ovviamente)? Oppure sarebbe inutile, uno sterile e inascoltato esercizio di apparente sentenziosità?
Bacioni, Markel
15   U L T I M E    R I S P O S T E    (in alto le più recenti)
boboross Posted - 18/11/2008 : 22:21:17
sforare humanum est.Perseverare...
f.c. Posted - 17/11/2008 : 11:48:28
[img]http://www.katabu.com/img/i/buco.gif[/img]
capita ogni tanto che si sfori il forum.
boboross Posted - 17/11/2008 : 10:08:21
Ma questo non è un forum << de bellis >> ?
f.c. Posted - 06/11/2008 : 14:26:21
dubbio

se non gioco con ugio, mi giuoco o’ cugino?
o_cugino Posted - 06/11/2008 : 14:09:31
[img]http://unamelalgiorno.files.wordpress.com/2008/04/gatto_volpe.jpg[/img]


Nels, sicche' il mio pensiero riguardo la parola amore sarebbe solo frutto di acidita' di stomaco e faccia tosta? Se anche lo fosse non ti sembra che si dovrebbe in qualche modo dimostrarlo, cosi sembri solo piuttosto a corto di argomenti. Ad esempio, se io mi comportassi come te, capovolgendo il tuo ragionamento “deduttivo”, potrei affermare che se fossi in te e in chi ti sta attorno mi sentirei un pochino preoccupato, ma non mi sento cosi supponente, anzi nemmeno preoccupato. Anche se ammetto di aver ormai perso l'argomento della conversazione(come spesso accade con fio e nels), mi limito a sorridere un po' del livello delle vostre confidenze segrete su di me, anche questa e' espressione di liberta' e soprattutto fantasia, potrei inventarmi qualcosa anch'io, se il gioco fosse alla pari perche' no? ma pensandoci bene non ne ho nemmeno voglia, ne interesse.

nelson dyar Posted - 06/11/2008 : 09:23:54
Non lo chiamerei intuito, Fio. In genere non riesco a ricordare una faccia, tantomeno tosta; però mi risulta molto più semplice notare certe caratteristiche di scrittura le quali sottendono un modo di pensare, rapportarsi agli altri e vivere assolutamente privati. C'è poi un cinismo buono e un'acidità di stomaco cattiva, impossibili a confondersi.
o_cugino Posted - 05/11/2008 : 16:13:35

Uscire allo scoperto? giuro che ero convinto che chiunque si sarebbe accorto subito dell'anagramma di o_cugino, infatti stava li apposta e fartelo notare non mi sembrava giusto. Per il resto mi sembra di aver espresso i miei pensieri sempre in modo piuttosto chiaro, per condivisibili o non condivisibili che siano stati. Non mi sembra invece di aver offeso nessuno, anche se ammetto di essere stato a volte ironico, ma non credevo fosse un peccato cosi grave, non so se lo sai ma ci sono al mondo tante persone convinte che un po' d'ironia a volte possa non guastare, e sanno addirittura sorridere, perche' credono possa essere di aiuto per sdrammatizzare un po' la futilita' delle cose e riportarci con i piedi per terra, almeno in questo ambito. Se invece esprimere opinioni differenti riguardo il pensiero tuo o di qualche altro e' gia' un buon motivo per essere depennati bastava dirlo subito, non l'ho letto nel regolamento, forse mi e' sfuggito. A questo punto dovresti spiegarmi bene cosa vorresti da me, non ti bastano le mie idee? riguardo le tue invece funzionano piu' o meno cosi: se dico bianco dici sempre nero, ma fa niente. Anzi mi stai facendo pensare che desideri qualcosa di diverso da me, non e' che per caso vuoi avere la mia fotina, magari per un appuntamento galante?.

fiornando Posted - 05/11/2008 : 12:48:24
Anch'io insisto: ipocrita, uomo senza palle, senza dignità, che benché smascherato non hai il coraggio d'uscire allo scoperto. E questo è un guanto di sfida, casomai di me ti fregasse ancora nulla. E vediamo chi fa brutta figura, ora.
o_cugino Posted - 05/11/2008 : 10:40:31

“...ma preferisco bere dell'altro, almeno finche' me lo posso permettere...”


quel bere dell'altro si chiamava semplicemente indifferenza, indifferenza alla parola troll e a tutte le altre provocazioni e offese, addirittura perche' il mio nick(solo il mio, ovvio) non e' fatto come piace ecc ecc. Indifferenza riguardo i meschini giudizi sulla mia persona, espressi senza avere una minima idea sensata in testa, e' evidente che non mi toccano assolutamente. Volevo soltanto discutere e sentire un po' di idee, soprattutto se diverse dalle mie, non si stava parlando di amore?. Mi vien da pensare che se quella parola e' davvero un dono, invece che una conquista, allora sicuramente il gatto e la volpe non sono stati prescelti.

Ps:
maestro fiornando, riguardo a chi sei tu e a cosa hai fatto o farai, a me sinceramente non frega davvero nulla, ma la sensazione che mi dai e' che piu' scrivi certe cose e piu' fai brutta figura, insisto


fiornando Posted - 04/11/2008 : 16:56:17
Intendiamoci: fui costretto a usare il nickname perché non riuscivo a iscrivermi con nome e cognome. D'iscrivermi me l'aveva chiesto un'amica, perché dessi un parere sui suoi versi. E perché non riuscivo a iscrivermi? Perché continuai per un mese a chiedere spiegazioni in proposito alla direzione del sito, senza ricevere risposta? Perché quell'altra bella tipa di Elisabetta Sgarbi (nume tutelare di scrivi.com) s'era legata al dito una mia frase, più scherzosa che altro, sulla capacità critica - in fatto di poesia - del suo esimio fratello (cui peraltro devo il fatto d'aver cominciato a tradurre: e precisamente alla puntata di Sgarbi quotidiani in cui egli lesse Il Cuore Infranto di Donne). Su consiglio della mia amica entrai nel sito con tre nick diversi, e vi trovai questa situazione: una coppola di sedicenti poeti votava ogni giorno per ciascuno di loro, per cui ogni giorno ciascuno di loro figurava nei primi posti della classifica (per quello che contasse, una classifica del genere). La cosa indispettiva però, tanto più che il valore di quei poeti (e in particolare quello di 'un gioco/o cugino') era veramente infimo, mentre penne molto più meritevoli (due o tre, devo dire, eccezionali - e mi domando a far cosa Bompiani avesse messo lì la sorella di tanto fratello, se non si accorgeva dei talenti che le sfilavano sotto il naso) in quella classifica ci figuravano raramente o mai. Fatto sta che fra tanti voti e commenti entusiasti, i geni della cricca cominciarono a trovare stroncature e prese in giro che suscitarono scalpore: qualcuno, che persino al paesello era conosciuto come 'il poeta', non ci dormì la notte. Prima d'andarmene da quel sito, quello sì volgare e disgustoso, altro che la Coca Cola, rivelai il mio nome a due o tre ex-poeti.

Bevi o cugino, bevi. Bevici su o soffia su queste parole: chissà che ricadendo non compongano un panegirico, che mostrerai agli amici della cricca con la tua solita, ipocrita nonchalance.
fiornando Posted - 04/11/2008 : 14:11:33
Avevi agione, Nelson! Quando si dice l'intuito femminile...

O C U G I N O



è lo stesso bel tipo (che io beccai col nick di friggibestie, diversi anni fa, su scrivi.com, dove lui s'era costruita la sua bella figura di Poeta - così almeno stava scritto sul suo biglietto da visita: X Y, Poeta - e si vede che gli bruciò, il giudizio, se dopo tanti anni...) lo stesso bel tipo che è rientrato nel c.s. dalla finestra dopo essere andato via mesi fa sbattendo fa porta come


U N G I O C O

fiornando Posted - 04/11/2008 : 11:22:19
...ti risparmiavo una brutta figura....e fai pure bella figura. (o cugino)

Ecco cosa preoccupa il nostro amico, Nelson: lo spregiatore della Coca Cola (che io spesso, lo ammetto, specie d'estate, con ghiaccio e scorza di limone, ho bevuto e bevo volentieri). Lo preoccupa la figura. Fingere, apparire. Dentro di sé non è - si capisce da come scrive, e anche lui lo sa, di non esserlo - ma lo stesso vuole apparire quello che non è: un fine, e magari un santo, bevitore (oltreché scrittore, e poeta). "Con me non attacca, gente: io bevo Mignottello riserva, mica Coca Cola!"

Lo stesso gioco fa con le parole: ci soffia su finché - ricadendo a caso - non gli dicono: "Ma che artista che sei! Che bella figura che fai!"

"Merdaccia", che gli esce 9 volte su 10, proprio non gli va giù. E ci beve su.
nelson dyar Posted - 03/11/2008 : 20:48:58
Sei schietto? O solo un attore? Uno che rappresenta qualcosa? O la stessa cosa che rappresenta? Alla fine sei semplicemente la scimmiottatura di un attore.

(Indovina)
o_cugino Posted - 03/11/2008 : 15:33:00

ricetta di nelson apprendista stregone:


[img]http://pwh.tin.it/vedano/navigare_nel_web/Eight4USA/topolino/immagini/topolino_stregone.gif[/img]


Prendere un bicchiere, riempirlo per meta' di odio e per meta' di amore, poi aggiungere un pizzico di fiele, infine scolarlo tutto d'un fiato.

Una bevanda vecchia come il mondo, piu' antica dei tempi di noe', cioe' dell'invenzione del vino, ma con me non attacca, la trovo semplicemente come la coca cola, dal sapore volgare e disgustoso, quindi ringrazio, ma preferisco bere dell'altro, almeno finche' me lo posso permettere.

nelson dyar Posted - 03/11/2008 : 12:44:05
La figura del troll


[img]http://www.traparentesi.it/foto/favolefiabe/cappuccetto2.jpg[/img]


Il lupo-nonna si mise a letto dopo un'abbondante libagione di limoncello, aspettando il ruttino. Fu a quel punto che entrò cappuccetto...

NB: Mai fiaba si prestò meglio ad interpretazioni psicoanalitiche. Sciocco d'un Sigmund!


© Torna all'inizio della Pagina
Generated in 0.06 sec. Tradotto Da: Vincenzo Daniele & Luciano Boccellino- www.targatona.it Distribuito Da: Massimo Farieri - www.superdeejay.net Powered By: Snitz Forums 2000 Version 3.4.03