Home | Profilo | Discussioni Attive | Utenti | Download | Cerca nel web | Cerca | FAQ
Nome Utente:
Password:
Salva Password
Password Dimenticata?

 Tutti i Forum
 TORTINI E MADRIGALI: il forum del compagno segreto
 SHAKESPEARE
 LA LENTEZZA ...
 Nuova Discussione  Rispondi
Pagina Successiva
Autore  Discussione Discussione Successiva
Pagina: di 3

amministratore
Amministratore


173 Messaggi

Inserito il - 31/01/2006 :  16:20:36  Mostra Profilo  Rispondi Quotando
Da alcuni giorni abbiamo constatato che quando si postano i messaggi compare questo avviso:

"Active Server Pages error 'ASP 0113' Script timed out /forum/post_info.asp The maximum amount of time for a script to execute was exceeded. You can change this limit by specifying a new value for the property Server."

Niente paura!
I post in realtà vengono regolarmente registrati.

In attesa di risolvere il problema, ci scusiamo con tutti.
Segnalateci comunque ogni possibile disfunzione qui, oppure scrivendo a: [url="mailto:"]direzione@compagnosegreto.it[/url]

[img]http://www.compagnosegreto.it/pensando.gif[/img]


WebMater

amministratore
Amministratore


173 Messaggi

Inserito il - 06/10/2006 :  18:33:30  Mostra Profilo  Rispondi Quotando
Il bello degli amici


Mario Curreli (m.curreli@angl.unipi.it) è uno dei più importanti studiosi e traduttori italiani di Conrad, ed è amico del c.s. dal primo numero, che dallo stupendo racconto di Conrad ha preso il fatidico nome.
Risfogliando quel numero, si è accorto di una fotografia e ci ha rivelato il nome di un uomo che non eravamo riusciti a identificare...

[img]http://www.compagnosegreto.it/homeconrad.jpg[/img]

http://www.compagnosegreto.it/NUMERO1/pagfoto10.htm
Torna all'inizio della Pagina

f.c.
c.s. oltre


1642 Messaggi

Inserito il - 24/01/2007 :  13:40:52  Mostra Profilo  Rispondi Quotando
Il programma di Munchausen

[img]http://librarianinblack.typepad.com/photos/uncategorized/hamlet.JPG[/img]


Salvo nuovi imprevisti, adesso dovrebbe veramente iniziare la fase critica per la preparazione del numero sugli Amleti. I ritardi sono stati dovuti soprattutto alla realizzazione di alcuni video che mi hanno impegnato in quest'anno. Da adesso, (quasi) solo Shakespeare!... in realtà i pezzi già pronti sono circa una cinquantina, ma questo sugli Amleti sarà inevitabilmente un numero abnorme: credo il più grande realizzato finora. Speriamo bene.

Finito gli Amleti (fine febbraio-inizio marzo?), la sequenza sarà questa: n. 13: Donna me prega di Guido Cavalcanti; n. 14: Sulla Germania totalitaria di Simone Weil (e altri scrittori della Germania di Hitler); n. 15: La Luna (soprattutto da Dante in poi).

Se ce la faremo, si potrà pensare a cosa cavare da quest'altro sogno: un numero su Gli ultimi giorni dell'umanità di Karl Kraus. Fin là, è ovvio, può succedere di tutto. Intanto, come il noto Barone che a suo dire davvero sulla Luna arrivò, già da tempo ci tiriamo avanti lietamente da soli per il codino.


Nel frattempo, le cose, soprattutto grazie al forum, sono andate avanti discretamente. Il compagno segreto ha in media 1500 contatti singoli al giorno (eravamo a 2600 quando uscì il numero sugli scrittori medici) ed è arrivato a quasi 580 abbonati al Novellino.
Torna all'inizio della Pagina

f.c.
c.s. oltre


1642 Messaggi

Inserito il - 06/05/2007 :  13:10:46  Mostra Profilo  Rispondi Quotando
Quale dei tre?
L'enigma di Q1 Q2 e F

[img]http://history.sandiego.edu/gen/USPics13/marxbros03.jpg[/img]


Anticipazione di uno dei temi del prossimo numero del c.s.: l'Amleto è l'unico dramma di Shakespeare di cui abbiamo 3 versioni. Si dà per scontata l'esistenza di un quarto testo, l'Ur-Hamlet, che però è andato perduto, posto poi che sia mai esistito come testo, e non come slambricciato copione per attori adattato di volta in volta alle esigenze della compagnia. Dell'Ur-Hamlet non si sa neanche se sia di Shakespeare o di altri (Kyds?). Restando alle tre versioni esistenti, non si sa chi sia l'autore della più antica (Q1), se un attore con paradossale memoria o Shakespeare stesso, né dei passaggi da una versione all'altra. Nessuna delle due "definitive" (Q2 e F) può infatti essere letta come l'Amleto: ci sono brani più sviluppati in Q2 che in F e viceversa. Più che un testo, pare l'officina di un autore disposto a tenere aperto il lavoro infinitamente.
Amleto è dunque un testo perfetto per riempirsi la testa di onesti dubbi su cosa sia un autore, un testo, ecc. Preferibile un'ottica da fisica quantistica (una cosa può essere allo stesso tempo un'altra) che alla Einstein ("Dio non gioca a dadi").
Su queste cose, vedi il numero del compagno segreto su Paul Valéry: http://www.compagnosegreto.it/NUMERO10/home.htm
Torna all'inizio della Pagina

f.c.
c.s. oltre


1642 Messaggi

Inserito il - 07/05/2007 :  09:38:07  Mostra Profilo  Rispondi Quotando
Final cut
(sempre su Q1 Q2 e F)

[img]http://www.famiglia.barone.nom.br/moviola3eisenstein.jpg[/img]


Ho una sporadica esperienza di scritture teatrali, un po' di più di copioni per cortometraggi: si cambia fino alla fine, anche solo perché a un attore non viene bene la pronuncia di una frase (e se il testo è in rima, magari si deve cambiare un bel pezzetto), ma soprattutto perché nella recitazione diventa evidente che tante cose non funzionano - così i copioni si riempiono di segnacci, tagli, gionte, ecc. Nel vivo di una prova, quasi non vedesse l'ora, il testo torna brogliaccio. - Il video ha l'impagabile strumento del montaggio: la recitazione torna scrittura, si lavora sulla punteggiatura, si lima, si cambia: soprattutto si taglia. Il testo recitato a teatro è sempre sporco e dura un attimo. La replica non è mai una replica. Il video è il prigioniero che costruisce il suo ergastolo.
Torna all'inizio della Pagina

f.c.
c.s. oltre


1642 Messaggi

Inserito il - 03/07/2007 :  10:14:44  Mostra Profilo  Rispondi Quotando
Non credo ad Amleto

“Il genio di Tolstoj era inesauribilmente letterale.
Sulla sua copia di Amleto aveva segnato un punto di
domanda a fianco della didascalia “Entra lo Spettro”…”
(G. STEINER, Tolstoj e Dostoevskij, Milano 1995)
Torna all'inizio della Pagina

f.c.
c.s. oltre


1642 Messaggi

Inserito il - 17/07/2007 :  11:26:02  Mostra Profilo  Rispondi Quotando
diario

[img]http://www.claudiocolombo.net/FotoDVD/vogliamovivere1.jpg[/img]


Il prossimo numero del c.s. sugli amleti è alla fase finale, forse la più bella. Sto preparando le pagine web e le immagini. Il bello è che - come quando si monta un video o si danno le ultime velature e i punti luce a un quadro - finalmente tutto quaglia. Si prepara la pagina, si mettono i link, si lavora contemporaneamente alle figure che una alla volta si incastonano sotto il titolo (si inventa il titolo!) e sopra il pezzo; quindi si rilegge il pezzo e lo si corregge di nuovo: questa volta proprio sulla pagina giallina e con la figura sopra. Quando ci si illude di aver finito, si salva e si passa alla prossima. Una volta conclusa una sezione, si controlla e ricontrolla che i link funzionino tutti, che non ci siano errori di battitura, ecc. Quindi si passa a un'altra sezione. C'è talmente tanto materiale che sarà un numero doppio: 12 e 13. Ci saranno anche due sezioni nuove. Ci saranno soprattutto alcuni pezzi in audio, letti da due attori sopraffini.

[img]http://www.cinemedioevo.net/Film/Filmografie/42vog.jpg[/img]


Sarà un numero esagerato (alla fine, quasi due anni di lavoro). Se la velocità di crociera continua ad essere quella di questi giorni, a settembre dovrebbe finalmente uscire. Quest'anno, infatti, nessuna isoletta solitaria (dove avevo letto tutto Shakespeare e scribacchiato un po').

Poi, in autunno, una sorpresa.
Torna all'inizio della Pagina

campi giovanni
c.s. oltre


861 Messaggi

Inserito il - 18/07/2007 :  02:28:21  Mostra Profilo  Rispondi Quotando
l'insostenibile lentezza dell'essere o non essere



[img]http://img45.imageshack.us/img45/9031/achilleuselatartarugapd2.jpg[/img]


Campi Giovanni
Torna all'inizio della Pagina

f.c.
c.s. oltre


1642 Messaggi

Inserito il - 19/07/2007 :  17:47:44  Mostra Profilo  Rispondi Quotando
scritto & disegnato

[img]http://vilainefille.blogs.com/photos/uncategorized/pontormo.jpg[/img]



Leggi e rileggi un testo, ritrovandoti alla fine (fine?) con una sensazione di sperdimento molto difficile da descrivere: la stessa che dice un mio amico grafico di photoshop che adesso uso per le immagini: "il tipo che dice di conoscere photoshop è un pivello; anch'io una volta lo conoscevo...".

Ora che lavoro sulle immagini, il testo cambia ancora. Sempre più giganteggiano cose molto meno evidenti nello scritto: Ofelia, gli animali (Amleto è pieno di animali), e poi certo il letto di Gertrude... Si disegna con qualcos'altro che non sia la parte del cervello che scrive. Il disegno è più depensato, più vicino all'inconscio, più libero dalle giustificazioni. Ha un logos più segreto. E' olistico e non pretende - né consente - la piena decifrazione. Anche la scrittura, in realtà, ma su un piano diverso: con coerenze almeno apparenti più necessarie.
Torna all'inizio della Pagina

campi giovanni
c.s. oltre


861 Messaggi

Inserito il - 20/07/2007 :  16:18:50  Mostra Profilo  Rispondi Quotando

quadri di un'esposizione...


[img]http://img59.imageshack.us/img59/7886/esposizioem6.jpg[/img]


... per non dimenticare il non detto


Campi Giovanni
Torna all'inizio della Pagina

f.c.
c.s. oltre


1642 Messaggi

Inserito il - 31/07/2007 :  15:02:18  Mostra Profilo  Rispondi Quotando
...questo è il problema


«Il dramma, la tragedia parlata, non ha alcun effetto sonoro presso di noi. E’ un fatto singolare che la lettura di un pezzo shakespeariano susciti in noi un effetto molto più elevato della sua rappresentazione in scena. L’attore è infatti uomo moderno: egli si trova in contraddizione con la tragedia»
(F. Nietzsche, Frammenti postumi. Vol. II: Inverno 1870-1871 – Primavera 1872, Milano 2004)

(il numero del c.s. sugli Amleti è pronto. Va tutto verificato, ma è pronto. Per pubblicarlo aspetteremo settembre.)
Torna all'inizio della Pagina

f.c.
c.s. oltre


1642 Messaggi

Inserito il - 05/08/2007 :  12:25:21  Mostra Profilo  Rispondi Quotando
pubblicato amleto

www.compagnosegreto.it


Il doppio numero del c.s. dedicato agli amleti (nn. 12 e 13) da ieri è in linea: si va in home page e da lì si accede. Per questo mese, non daremo nessun annuncio agli abbonanati alla newsletter né ad altri. Teniamo la cosa in sordina e intanto navighiamo in cerca di refusi da correggere.

Ogni parere, osservazione, ecc. sarà come sempre gradita (mail: direzione@compagnosegreto.it).

Il numero è molto grande: cinque volte più grande della media degli altri. E' voluto venire così, e, come in cucina, non c'era che da obbedire.

L'Amleto che vedrete occhieggiare in tutte le figure, ma anche tra i testi, è una rielaborazione di un autoritratto di Basquiat, genio dell'analphabet art.
Torna all'inizio della Pagina

f.c.
c.s. oltre


1642 Messaggi

Inserito il - 06/08/2007 :  16:57:06  Mostra Profilo  Rispondi Quotando
Lotto d'Amleto


Federico Zeri, quando parlava dei ritratti del Lotto diceva "tutti Amleti": l'ombra di qualcosa era ormai presente nello sguardo di tutti? (Qualcosa che non trovi certo nei ritratti di Raffaello o Tiziano). Il segno di una catastrofe addirittura innominabile che fa gli occhi furtivi, circospetti, timorosi di tradire lo stesso timore. Usati un po' di Lotto, e di altri, nelle immagini. (e in realtà uno dei pochi infiniti del numero or ora pubblicato riguarda i pittori di Amleto; c'è anche un sito in inglese stupendo (http://shakespeare.emory.edu/illustrated_index.cfm), ottimo per passare un po' di tempo. Avrei voluto scrivere soprattutto di Füssli, e di riflesso di Delacroix e di Moreau. Ma a un certo punto bisogna pur finire.
Il resto è (sarà) forum.
Torna all'inizio della Pagina

f.c.
c.s. oltre


1642 Messaggi

Inserito il - 08/08/2007 :  13:59:42  Mostra Profilo  Rispondi Quotando
aggiornamento

fiornando ha letto sull'ultimo numero l'amletico sonetto 66, proposto nella traduzione di Serpieri, e l'ha contestata a modo suo: ritraducendo il sonetto, con risultati a me sembra molto più persuasivi.

alla pagina:
http://www.compagnosegreto.it/NUMERO%2012/scrivere25.htm
Torna all'inizio della Pagina

f.c.
c.s. oltre


1642 Messaggi

Inserito il - 09/08/2007 :  11:15:29  Mostra Profilo  Rispondi Quotando
Servi di scena

[img]http://www.claudiocolombo.net/FotoDVD/vogliamovivere1.jpg[/img]


La mattina successiva alla prima rappresentazione di Un marito ideale, incontrai Oscar Wilde che scendeva i gradini di un club in fondo a St James’s Street e colsi l’occasione per chiedergli che cosa pensasse dell’atteggiamento dei critici verso la sua commedia.

«Ecco» rispose mentre camminava lentamente «essere critico drammatico è un lavoro sciocco e assolutamente non artistico quanto essere critico di poemi epici o di poemi arcadici o di idilli. Tutti i diversi modi dell’arte non sono che uno, e i modi dell’arte che si serve della parola come mezzo sono indivisibili. Il risultato della volgare specializzazione della critica è una complessa conoscenza scientifica del palcoscenico – complessa quasi quanto quella del falegname di scena, e non inferiore a quella del buttafuori – a cui si unisce la totale incapacità di comprendere che un dramma è un’opera d’arte, o di ricevere qualsiasi impressione artistica.»

E’ piuttosto severo nei confronti della critica drammatica, signor Wilde.

La critica drammatica inglese dei nostri giorni non ha conosciuto un solo successo, pur partecipando a tutte le prime.»

(O. Wilde, Autobiografia di un dandy, Milano 1996)
Torna all'inizio della Pagina

f.c.
c.s. oltre


1642 Messaggi

Inserito il - 10/08/2007 :  10:01:55  Mostra Profilo  Rispondi Quotando
principe Ham-let

[img]http://www.volarecoop.com/pages/incoming/prosciutti.jpg[/img]


"I always thought it was a mistake, calling you Hamlet. I mean, what kind of name is that for a young boy? It was your father's idea. Nothing would do but that you had to be called after him? Selfish. The other kids at school used to tease the life out of you. The nicknames! And those terrible jokes about pork.
I wanted to call you George."

Questo è l'inizio del racconto di Margaret Atwood Gertrude talks back di cui abbiamo proposto la traduzione di Fiornando Gabbrielli nella costellazione 23 (http://www.compagnosegreto.it/NUMERO%2012/costellazioni23.htm).

Il problema era rendere qualcosa di intraducibile: il fatto che Amleto avesse un nome tale da scatenare subito i suoi compagni di scuola in giochi di parole col maiale: Ham let alla lettera vuol dire qualcosa come Prosciutto lascia (ma tanti sono i significati di to let).

Fiornando sceglie di tradurre pork con "culatello". Niente da dire, anche se inevitabilmente si perde il gioco di parole (come sempre, come tantissimi nello stesso Amleto, e diversi, soprattutto i più osceni, ci siamo divertiti a mostrarli nel numero).

Quando ho deciso di proporre a due attori di registrare alcune letture, per l'attrice la scelta sul racconto della Atwood è stata inevitabile. Quando iniziamo a registrare, però, quel culatello a Sara Alzetta proprio non viene: non capisce la battuta e non le piace dirlo. La cosa si sente benissimo, e condiziona un po' anche il resto dell'interpretazione. Così decidiamo di cambiare, e infatti nella registrazione Sara non dice culatello. Dice un'altra cosa. Lo scrivo a Fiornando, che comunque chiede di tenere la sua versione. Il che non toglie che l'attore disobbedisca all'autore, essendo a sua volta autore. E anche di questo nel numero s'è scritto molto, soprattutto tenendo presente le cose che Giorgio Melchiori ha scritto sul teatro di Shakespeare e Carmelo Bene sul teatro tutt'intero.
Torna all'inizio della Pagina
Pagina: di 3  Discussione Discussione Successiva  
Pagina Successiva
 Nuova Discussione  Rispondi
Vai a:
© Torna all'inizio della Pagina
Generated in 0.11 sec. Tradotto Da: Vincenzo Daniele & Luciano Boccellino- www.targatona.it Distribuito Da: Massimo Farieri - www.superdeejay.net Powered By: Snitz Forums 2000 Version 3.4.03