Home | Profilo | Discussioni Attive | Utenti | Download | Cerca nel web | Cerca | FAQ
Nome Utente:
Password:
Salva Password
Password Dimenticata?

 Tutti i Forum
 TORTINI E MADRIGALI: il forum del compagno segreto
 SHAKESPEARE
 LA LENTEZZA ...
 Nuova Discussione  Rispondi
Pagina Precedente | Pagina Successiva
Autore  Discussione Discussione Successiva
Pagina: di 3

fiornando
c.s. oltre


573 Messaggi

Inserito il - 12/08/2007 :  00:12:53  Mostra Profilo  Rispondi Quotando
Premetto che non so l'inglese: per tradurlo m'avvalgo d'uno Hazon e d'una vecchia grammatica, entrambi di mia moglie che lo studiò alle superiori. E quando lo Hazon non mi basta cerco sui vari dizionari on-line.

Traducendo "pork" con "culatello" (salume fatto con la coscia del maiale disossata e arrotolata, recita il Devoto-Oli) ho semplicemente spostato il punto di vista del lettore: da quello della regina a quello dei compagni di scuola di suo figlio, ai quali immagino venisse spontaneo sulle labbra - come Pat per Patrick e Mick per Michael - Ham per Hamlet: senza, per questo, necessariamente pensare al maiale, visto che a dire dello Hazon "ham" significa: 1. parte posteriore della coscia; natiche 2. prosciutto.

Diciamo allora che il ficcante "culatello" (ficcante perché riassume in qualche modo i tre significati dello Hazon) s'avvicina al nocciolo della questione (gli sfottò dei ragazzi) quanto il generico "pork" della regina se ne allontana.

Di sicuro Sara Alzetta avverte, col sesto senso dell'attore, la discrepanza fra il britannico understatement di Gertrude-Atwood e una parola che suona volgare come culatello; probabilmente anche "dog dirt", per esempio, avrei dovuto tradurlo "sporcizia", anziché "cacca" di cane. Ma tant'è.

Spero bene che l'avversione si limiti alla pronuncia e non alla degustazione del re dei salumi, come dicono in quel di Parma. Resta il dilemma di come fare per ordinarlo.
Torna all'inizio della Pagina

f.c.
c.s. oltre


1642 Messaggi

Inserito il - 17/08/2007 :  11:49:18  Mostra Profilo  Rispondi Quotando
cb

[img]http://www.compagnosegreto.it/NUMERO%2012/cop15.jpg[/img]


Alla prova dei fatti (dei testi), nell'agorà per postumi e posteri che è in fondo un numero del compagno segreto, Carmelo Bene vince forse ancora più di prima. Fosse anche non stato l'attore ch'è stato, non avesse avuto quella voce e quell'arte, e non fosse rimasto poi nessun filmato o cd o nastro a farcelo vedere, e rimanessero solo le parole del volume Bompiani e di altre cose trascritte da altri Eckermann, è sempre tra i più intelligenti, illuminanti, liberi e artistici. Pagine che guadagnano molto nel confronto con gli altri, soprattutto i migliori: Nietzsche, Wilde, Hegel, Joyce, Auden, Manganelli, Eliot, Praz, Melchiori... - Stando dentro la foresta di Shakespeare, la sua scrittura è tra le rare che aizzano a vivere i testi, e cioè noi lettori.
Torna all'inizio della Pagina

f.c.
c.s. oltre


1642 Messaggi

Inserito il - 30/08/2007 :  11:06:17  Mostra Profilo  Rispondi Quotando
H. & H.

[img]http://elsinore.ucsc.edu/goodEvil/goodEvil%20images/ham%20and%20horatio.gif[/img]

«My brain I’ll prove the female to my soul»
(Richard II, Atto V, sc. 4, v. 8)

LAERTE: …Quando queste cose saranno passate, in me la donna finirà.
(Amleto, Atto IV, sc. 7)


Hamlet & Horatio: un caso di gay pride? – Celebre la definizione del finissimo Samuel Coleridge di Shakespeare come uomo dalla «androgynous mind», e giochi di specchi androgeni del resto in Shakespeare sono un classico del comico (Come vi piace, e Dodicesima notte sopra tutti. Sul tema vedi per es. J. De Angelis, Shakespeare. Una mente androgina, Udine 2005).
Torna all'inizio della Pagina

f.c.
c.s. oltre


1642 Messaggi

Inserito il - 12/09/2007 :  09:19:52  Mostra Profilo  Rispondi Quotando
Lode all'astuzia

[img]http://www.claudiocolombo.net/FotoDVD/vogliamovivere1.jpg[/img]


“Non loderemo mai abbastanza l’astuzia dimostrata da Shakespeare nel creare Amleto come un girotondo di contraddizioni, sebbene il risultato siano stati quattro secoli di letture errate, sia pure in alcuni casi molto fantasiose.”
(H. Bloom, Shakespeare, Milano 2003)

(Giusto, del resto è quello che dicono tutti da quattro secoli; su Amleto tutti danno del matto agli altri. La frase di Bloom ha poi un non so che di Polonio: "non loderemo mai abbastanza... sebbene... sia pure...")
Torna all'inizio della Pagina

amministratore
Amministratore


173 Messaggi

Inserito il - 10/10/2007 :  20:09:08  Mostra Profilo  Rispondi Quotando
Chi è il compagno segreto?

[img]http://erewhon.ticonuno.it/riv/speciali/religioni/img/golem.jpg[/img]


Su Golem l'indispensabile (nelle apagini culturali del Sole24ore), da oggi c'è un articolo di fc che racconta il compagno segreto e che è annunciato così:

"FRANCESCO CARBONE, Lavorare la letteratura. - Storia di un sito dove si lavora molto, e si produce bene, e dove le firme contano poco, nell'intimità con altissime scritture. Prosegue la nostra ricognizione su luoghi fervidi o critici della produzione e distribuzine culturale... Chi è Il compagno segreto?"

http://www.golemindispensabile.ilsole24ore.com/



Torna all'inizio della Pagina

f.c.
c.s. oltre


1642 Messaggi

Inserito il - 07/11/2007 :  15:56:10  Mostra Profilo  Rispondi Quotando
Eva Ofelia

[img]http://www.thebigbrother.it/UserFiles/Image/gallery/thumb/1127147956095henger13.jpg[/img]


"«Conobbi Carmelo nel '94 — racconta —. Ero appena arrivata in Italia e, tramite il mio agente Riccardo Schicchi (poi marito, ora ex, ndr), fui contattata per incontrarlo: aveva visto una mia foto, scattata in una manifestazione erotico- culturale. Voleva propormi il ruolo di Ofelia nel suo Hommelette for Hamlet ». Un incontro stampato in maniera indelebile nella memoria di Eva: «Conoscevo a stento l'italiano e mi chiedevo "perché mi avrà chiamata?". Soffro d'ansia da prestazione e non mi ritenevo all'altezza del compito. Ci incontrammo in un teatro: quando lo vidi, ebbi paura». E poi? Risponde: «Non se ne fece nulla: non avevo i documenti in regola »."
(Corriere della sera, 7 novembre 2007)
Torna all'inizio della Pagina

amministratore
Amministratore


173 Messaggi

Inserito il - 14/11/2007 :  22:55:31  Mostra Profilo  Rispondi Quotando

Le cinque audioletture realizzate per l'amletico ultimo numero del c.s. trasmigrano anche qui:

http://klp.splinder.com
Torna all'inizio della Pagina

amministratore
Amministratore


173 Messaggi

Inserito il - 25/07/2009 :  10:14:56  Mostra Profilo  Rispondi Quotando
sorpresa

[img]http://media-2.web.britannica.com/eb-media/10/27110-004-A9536D3E.jpg[/img]

..da questa mattina è in linea
il nuovo numero del compagno segreto sulla luna:
un po' diverso da tutti gli altri...

www.compagnosegreto.it


http://www.youtube.com/watch?v=znjEVqSmUSE
Torna all'inizio della Pagina

f.c.
c.s. oltre


1642 Messaggi

Inserito il - 28/07/2009 :  13:46:36  Mostra Profilo  Rispondi Quotando
contro il nuovo

[img]http://www.designboom.com/history/mollinobook/5.jpg[/img]


"Uno dei compiti principali dell'arte è stato sempre quello di generare esigenze che non è in grado di soddisfare attualmente. La storia di ogni forma d'arte conosce periodi critici in cui questa determinata forma mira a certi risultati, i quali potranno per forza essere ottenuti soltanto a un livello tecnico diverso, cioè attraverso una nuova forma d'arte."
(W. Benjamin, L'opera d'arte nell'epoca della sua riproducibilità tecnica)

Allo stesso tempo in ogni forma nuova d'arte - se ha un po' di coscienza di sé - c'è una nostalgia, il senso di una corsa verso un futuro vuoto, abissale e mortifero, se non altro per la perdita irreparabile di sapienze tecniche ormai inutilizzabili. Solo quando ritrova in sé il passato profondo dell'arte di sempre, si dà forza e si quieta: momento delle forme profonde, perfette.
Torna all'inizio della Pagina

orfano sannita
c.s. infuocato


308 Messaggi

Inserito il - 30/07/2009 :  07:33:39  Mostra Profilo  Rispondi Quotando
sulle arti (ex-)figurative

[img]http://www.animationartgallery.com/images/wdd/WDD885.jpg[/img]


Cosa deve pensare di sé un artista di oggi per sentirsi, appunto, un artista? Quali conoscenze, perizie, memorie, dopo il secolo di Duchamp? Mi colpisce la forbice che nel secolo appena trascorso si è aperta tra arti popolari - e quindi il cinema! - e le arti "belle" dalla blasonata e millenaria tradizione elitaria, anche se certo non solo.

Nel cinema, le sapienze tecniche necessarie anche per un film di basso costo sono diventate in breve tempo talmente complesse da richiedere fior di intelligenze che tutte insieme lavorino per il prodotto: un artigiano, se la parola "artista" suonasse troppo dissonante, collettivo capace di mirabilie e cure non improvvisabili. Rivisto, ad esempio, da poco Sentieri selvaggi di John Ford. Quel "di", come si sa, quando si parla di un film, è problematico: la fotografia di Winton Hoch per un Vistavision di stupefacente bellezza, il miracoloso John Wayne, la sceneggiatura di Frank S. Nugent tra rabbia e pudori, assieme alla regia e assieme a innumerevoli altre cose, fanno un film che non si smetterà mai di vedere. Per quel film, come per tutti gli altri, "artisti" di cui, come per una cattedrale medievale, non è mai esistito neppure il nome se non nei titoli di coda.

Nello stesso tempo, le arti "belle", che alla parola "bello" rinunciarono baldanzose con le avanguardie, erano già molto avanti nel loro lungo viaggio verso la semplificazione estrema, l'abolizione della tecnica, il ready-made, il concetto al posto della cosa, ecc.... Jung ha scritto di un lungo viaggio "verso la morte". Nel diario che Eleonor Coppola ha scritto sul periodo delle riprese di Apocalypse now, a un certo punto l'affermazione arriva diretta: è il cinema l'arte del ventesimo secolo. Il cinema che non ha abdicato alla bellezza, non ha negato il pubblico, non ha abolito la perizia tecnica, né dileggiato il virtuosismo...

Verrà un giorno in cui un bozzetto anonimo per un qualunque cartone della Disney avrà più attenzione di tutte le citazioni della pop art, ecc.
Torna all'inizio della Pagina

orfano sannita
c.s. infuocato


308 Messaggi

Inserito il - 30/07/2009 :  07:36:38  Mostra Profilo  Rispondi Quotando
sulle arti (ex-)figurative

[img]http://www.animationartgallery.com/images/wdd/WDD885.jpg[/img]


Cosa deve pensare di sé un artista di oggi per sentirsi, appunto, un artista? Quali conoscenze, perizie, memorie, dopo il secolo di Duchamp? Mi colpisce la forbice che nel secolo appena trascorso si è aperta tra arti popolari - e quindi il cinema! - e le arti "belle" dalla blasonata e millenaria tradizione elitaria, anche se certo non solo.

Nel cinema, le sapienze tecniche necessarie anche per un film di basso costo sono diventate in breve tempo talmente complesse da richiedere fior di intelligenze che tutte insieme lavorino per il prodotto: un artigiano, se la parola "artista" suonasse troppo dissonante, collettivo capace di mirabilie e cure non improvvisabili. Rivisto, ad esempio, da poco Sentieri selvaggi di John Ford. Quel "di", come si sa, quando si parla di un film, è problematico: la fotografia di Winton Hoch per un Vistavision di stupefacente bellezza, il miracoloso John Wayne, la sceneggiatura di Frank S. Nugent tra rabbia e pudori, assieme alla regia e assieme a innumerevoli altre cose, fanno un film che non si smetterà mai di vedere. Per quel film, come per tutti gli altri, "artisti" di cui, come per una cattedrale medievale, non è mai esistito neppure il nome se non nei titoli di coda.

Nello stesso tempo, le arti "belle", che alla parola "bello" rinunciarono baldanzose con le avanguardie, erano già molto avanti nel loro lungo viaggio verso la semplificazione estrema, l'abolizione della tecnica, il ready-made, il concetto al posto della cosa, ecc.... Jung ha scritto di un lungo viaggio "verso la morte". Nel diario che Eleonor Coppola ha scritto sul periodo delle riprese di Apocalypse now, a un certo punto l'affermazione arriva diretta: è il cinema l'arte del ventesimo secolo. Il cinema che non ha abdicato alla bellezza, non ha negato il pubblico, non ha abolito la perizia tecnica, né dileggiato il virtuosismo...

Verrà un giorno in cui un bozzetto anonimo per un qualunque cartone della Disney avrà più attenzione di tutte le citazioni della pop art, ecc.

Modificato da - orfano sannita in data 30/07/2009 07:38:08
Torna all'inizio della Pagina

campi giovanni
c.s. oltre


861 Messaggi

Inserito il - 04/08/2009 :  13:50:32  Mostra Profilo  Rispondi Quotando
[img]http://www.compagnosegreto.it/images/pagmatta1.gif[/img]


"Ma aspetta che torni la notte; aspetta il giro taciturno della luna. E ascolta. Secondo che muove il pendolo celeste, è un affannoso crepitare di urla, questo, veramente, è l'inferno; ma se rimbalza la grazia del pendolo si perderanno i tuoi affanni nel ritmo suasivo dell'esametro."
(Giorgio Manganelli)

Modificato da - campi giovanni in data 04/08/2009 13:55:07
Torna all'inizio della Pagina

f.c.
c.s. oltre


1642 Messaggi

Inserito il - 07/08/2009 :  11:27:30  Mostra Profilo  Rispondi Quotando
perché è finito il virtuosismo in (quasi) tutte le arti

[img]http://www.mentecritica.net/wp-content/uploads/2009/03/time_by_natdatnl.jpg[/img]

...perché "è finito il tempo in cui il tempo non contava".
(P. Valéry)
Torna all'inizio della Pagina

orlandogibbons
c.s. acquatico


57 Messaggi

Inserito il - 11/12/2009 :  14:03:12  Mostra Profilo  Rispondi Quotando
ma qui è finito il tempo tout court o si sta sperimentando un nuovo tempo perenne e immutato?



Modificato da - orlandogibbons in data 11/12/2009 14:04:41
Torna all'inizio della Pagina

Lady Catherine
nuovo c.s.


10 Messaggi

Inserito il - 10/01/2010 :  22:27:24  Mostra Profilo  Rispondi Quotando
...e spuntare vedrem la nuova luna; ma lenta a declinar sembra l'antica!...
Torna all'inizio della Pagina
Pagina: di 3  Discussione Discussione Successiva  
Pagina Precedente | Pagina Successiva
 Nuova Discussione  Rispondi
Vai a:
© Torna all'inizio della Pagina
Generated in 0.2 sec. Tradotto Da: Vincenzo Daniele & Luciano Boccellino- www.targatona.it Distribuito Da: Massimo Farieri - www.superdeejay.net Powered By: Snitz Forums 2000 Version 3.4.03