Home | Profilo | Discussioni Attive | Utenti | Download | Cerca nel web | Cerca | FAQ
Nome Utente:
Password:
Salva Password
Password Dimenticata?

 Tutti i Forum
 Altre Muse
 FILOSOFIE
 libero arbitrio
 Nuova Discussione  Rispondi
Pagina Successiva
Autore  Discussione 
Pagina: di 53

orfano sannita
c.s. infuocato


308 Messaggi

Inserito il - 17/03/2006 :  20:39:04  Mostra Profilo  Rispondi Quotando
Liberi arbitri

[img]http://www.schopenhauer-web.org/images/SCHOP_1.jpg[/img]


...insomma insomma, cara Trilli: è chiaro che "l'Io non è padrone a casa sua" (Freud): nella mia no di certo; suppongo anzi un Io homeless, e una casa Egoless... su questo mi conforta perfino il ricordo della nonna devota, ché anche i cattolici più apostolici pregano il Signore che non li induca in tentazione ma che li liberi dal male: alla lettera, che faccia un po' tutto Lui, come la dottrina più severamente agostiniana della Grazia presupporrebbe... e proprio l'Autore di quella preghiera propose il perdono per chi non sa quello che fa, dunque tutti.

Che Schopenhauer sia giusto in fondo a una pletora di saggi?

fiornando
c.s. oltre


573 Messaggi

Inserito il - 17/03/2006 :  22:19:08  Mostra Profilo  Rispondi Quotando
e non ci indurre in tentazione ma liberaci dal male



ma che adorabile, invece, e giudiziosa insieme, la preghiera del giovane agostino:

at ego adulescens miser valde, miserior in exordio ipsius adulescentiae, etiam petieram a te castitatem et dixeram: da mihi castitatem et continentiam, sed noli modo. timebam enim, ne me cito exaudires et cito sanares a morbo concupiscentiae, quem malebam expleri quam exstingui. et ieram per vias pravas...

che tradotto alla lettera verrebbe a dire

aspetta un po', cribbio, fammela almeno assaggiare...


smack!

Torna all'inizio della Pagina

TRILLI
c.s. alato


95 Messaggi

Inserito il - 20/03/2006 :  12:35:32  Mostra Profilo  Rispondi Quotando
Dunque, vediamo un pò... Non sappiamo quello che facciamo? Sarebbe sconcertante. Se non possiamo sfuggire a noi stessi, allora a cosa valgono gli insegnamenti morali? Fino a che punto è giusto e lecito continuare a perseguire, pensando di averne la facoltà, norme di buon comportamento etc.. etc.. se infine non possiamo sottrarci alle altre, iscritte nei ns geni da chissà quante generazioni?
Se dunque non possiamo controllare i ns impulsi, ha un senso la rieducazione applicata negli istituti di pena?
Torna all'inizio della Pagina

orfano sannita
c.s. infuocato


308 Messaggi

Inserito il - 20/03/2006 :  22:17:13  Mostra Profilo  Rispondi Quotando
La Mont Blanc di Spinoza

[img]http://www.buzville.com/vertecchi/img/p145_pc.jpg[/img]
[img]http://www.open.ac.uk/Arts/philos/pics/spinoza.jpg[/img]


Il libero arbitrio sarà forse libero come il nostro prossimo breve momento nella cabina elettorale:

"Scegli all'interno di questa scheda, che devi ripiegare allo stesso modo in cui t'è stata data, un partito e uno solo: se ti viene da votarne tre o quattro, o di aggiungerne altri, non è proprio questo né il modo né il momento, sempre che tu abbia a cuore l'infimo peso che ti stiamo attribuendo in questo labile istante. La tua scelta sull'unico simbolo che avrai individuato dev'essere manifestata con un segno esplicito e secco: diciamo una barra, o al massimo una croce, certo non con una spirale o altri fronzoli: qui nessuno è rococò. - La croce dev'essere segnata con l'apposita matita (apposita vuol dire obbligatoria) che ti è stata consegnata con la scheda; se volessi segnare la croce con la stilo nuova che t'ha appena regalato la fidanzata, il tuo gesto, invece che molto poco, non varrebbe un acca. Se la matita non ti piace, non sappiamo cosa farci: o quella o niente. Se, soprattutto, ritieni di non aver acquisito conoscenze sufficienti per individuare saggiamente il partito da votare, non sappiamo che dirti: potevi pensarci prima: se sei in vena di fare il sofistico e ritieni che in ogni caso il tempo non sarebbe stato abbastanza, magari potevi non pensarci affatto. - A dirtela tutta, per quel che ci riguarda, potevi anche non venire fin qua: noi avremmo risparmiato tempo. In ogni caso - visto che ormai ci sei - arrangiati, e cerca di sbrigarti, perché, vivendo in un paese densamente popolato ed estremamente democratico, si sta facendo la fila, e questa tua incertezza è in ogni caso segno non di ponderatezza ma di maleducazione. Se a questo punto pensi, pur di esercitare il tuo diritto, di votare forsennatamente e a caso, per noi va benissimo lo stesso: purché (sempre che t'interessi che il tuo voto non venga annullato) secondo le regole finora enunciate. -Se tutto ciò non ti piacesse e pretendessi di barricarti nella cabina, verremmo a prenderti noi e lì per te sarebbero davvero dolori.

Qualunque cosa tu faccia, infine, sappi che sarà irreversibile."
Torna all'inizio della Pagina

TRILLI
c.s. alato


95 Messaggi

Inserito il - 21/03/2006 :  09:46:01  Mostra Profilo  Rispondi Quotando
Caro Sannita, che ci siano delle regole che mettano ordine in un determinato procedimento, in questo caso quello elettorale, è cosa buona e giusta - cosa accadrebbe se tutti volessero fare i propri comodi? Inutile sottolineare che soffriremmo e diventeremmo ancora più aggressivi di quanto non lo siamo già.... -
Il punto invece su cui desidero richiamare l'attenzione e che riveste una certa importanza morale è se la scelta che facciamo apponendo quella croce, sia davvero frutto di libera scelta o meno.
In altre parole, potresti fare una scelta diversa da quella che hai in mente ora, solo e soltanto se, tu fossi un altra persona.
Ecco dove, a detta di Schopenhauer, si annidano le catene. Ed è questo il tarlo che arrovella e mina alle basi l'impalcatura della libertà di cui andiamo fieri.
Torna all'inizio della Pagina

f.c.
c.s. oltre


1642 Messaggi

Inserito il - 09/06/2006 :  09:09:20  Mostra Profilo  Rispondi Quotando
Cause & costellazioni

"Qualche pensatore oserebbe dire
che il profumo dei biancospini
non è importante per le costellazioni?"
(Victor Hugo)

Modificato da - f.c. in data 17/05/2010 19:28:39
Torna all'inizio della Pagina

Macheath
c.s. alato


94 Messaggi

Inserito il - 09/06/2006 :  15:28:45  Mostra Profilo  Rispondi Quotando
degli arbìtri liberi

E noi che la felicità la pensiamo
in ascesa, proveremmo la commozione,
che quasi ci atterra sgomenti,
per una cosa felice che cade.
Rilke, Elegie duinesi, X, 110-114


[img]http://www.cimiterodistaglieno.it/boschettoweb/thumbnails/Staglieno_Boschetto_19web.JPG[/img]

- Perché il mondo fu creato con la lettera beth? Per insegnarci : come la beth è chiusa da tutti i suoi lati e aperta solo in avanti, così tu non sei autorizzato a indagare ciò che è in alto, in basso, avanti e indietro, ma solo dal giorno in cui fu creato il mondo in poi.

Bereshit Rabbà, 1
Torna all'inizio della Pagina

TRILLI
c.s. alato


95 Messaggi

Inserito il - 12/06/2006 :  15:36:43  Mostra Profilo  Rispondi Quotando
Caro Macheath,
non so da dove sia originata questa fantasia del mondo creata con una tale lettera anzichè un altra. Non voglio neanche perdermi a disquisire di tali dettagli.
Ma una cosa mi attizza parecchio: mi piace pensare che gli uomini nascono 'Liberi'. E siccome tali, hanno il potere ed il dovere di cercare, di indagare a destra ed a sinistra, in alto ed in basso, ed anche oltrepassare i limiti della galassia, se questo può servire a fare luce sulla loro vera natura.
E' solo il tempo che rema contro. Arriveremo presto o tardi a riuscire a guardare oltre il ns piccolo spazio ed a fare un pò più di luce su chi siamo. E come per tutte le altre cose, anche le lettere Alef e Beth e quant'altre relative leggende, diventeranno un qualcosa che farà sorridere. Proprio come Adamo ed Eva.
Torna all'inizio della Pagina

Macheath
c.s. alato


94 Messaggi

Inserito il - 13/06/2006 :  12:55:20  Mostra Profilo  Rispondi Quotando
che più non si scopria luna né stella


oh ma Trilli sono totalmente in disaccordo con te:brindiamo! ...chissà, deve esser la mia scarsissima propensione alla curiosità, un senso di appagatezza, di autentiche panciolle nella miopia: lo star bene, e il voler star bene, nel seno di cose tramandate da altri e per questo adorate... e altro che galassie, centri della terra: difesa della luna semmai! nel senso di accucciarsi a quanto m'è dato sapere - e più non dimandare... perché, ti assicuro, si può contemplare senza dover per forza svelare... cos'è mai sta smania di abbinare l'esistenza alla libertà? come se fosse il principale carattere distintivo dell'uomo? o almeno il suo fine ultimo...

[img]http://news.bbc.co.uk/media/images/38166000/jpg/_38166069_madrasa300.jpg[/img]


solo a me interessa sapere quel che posso diventare... (tu mi dirai: ma senza libertà cosa diventi? diventi, diventi, non stare a credere alle fandonie... le potenze dell'anima sono inimmaginabili)... il Come diventare me lo spiega la Legge, qualunque essa sia - ecco qui il mio patto - sono un Benè Berith, un figlio del patto, che per osservare il proprio dovere d'esser vivo osserva, appunto, la Legge, che sola gli offre il senso d'esser vivo... (strano, no? coincidono in questo insegnamento i detti di Rav Quq, lo Zand Avesta e le lettere di S. Paolo: “L’uomo è libero nella Legge”)
Torna all'inizio della Pagina

ALI
c.s. alato


101 Messaggi

Inserito il - 13/06/2006 :  15:16:05  Mostra Profilo  Rispondi Quotando
Messaggio inserito da Macheath

... si può contemplare senza dover per forza svelare...

(strano, no? coincidono in questo insegnamento i detti di Rav Quq, lo Zand Avesta e le lettere di S. Paolo: “L’uomo è libero nella Legge”)



Ahhh, che meravigliose parole, Macheath, grazie!... a proposito di libertà nella legge, mi hai fatto venire in mente quanto sia delizioso improvvisare all'interno di una traccia armonica...
[img]http://www.nostreradici.it/lettere/bet.gif[/img]

[img]http://www.di-marino.it/XEs6B.gif[/img]


un trallallà

ALI
Torna all'inizio della Pagina

f.c.
c.s. oltre


1642 Messaggi

Inserito il - 14/06/2006 :  08:35:10  Mostra Profilo  Rispondi Quotando
Dancing in the dark

[img]http://img.getactivehub.com/gv2/custom_images/wyncmail/dancing_in_the_dark.jpg[/img]

"Spinoza non ama il mistero;
a volte, per scioglierne uno,
si limita a fare dei guasti nell'insolubile."
(G. Ceronetti, La lanterna del filosofo)
Torna all'inizio della Pagina

TRILLI
c.s. alato


95 Messaggi

Inserito il - 14/06/2006 :  11:51:02  Mostra Profilo  Rispondi Quotando
...così tu non sei autorizzato a indagare ciò che è in alto, in basso, avanti e indietro, ma solo dal giorno in cui fu creato il mondo in poi....

Bereshit Rabbà, 1[/center]
[/quote]



Non mi accontenta, non mi alimenta a sufficienza il "sapere" apponendoci dei limiti. Non amo i limiti, seppure ovunque volga lo sguardo ne riconosco diversi, ahinoi.
"La Verità vi renderà Liberi", soleva dire un uomo molto saggio, molto tempo fa. Sicchè ne deduco che anche per lui, la ricerca costante di essa non era cosa da poco.
Perchè porsi dei limiti a cercarla? Paura di scoprire che per millenni ci siamo imbevuti di falsità mostruose?
Invece si, andiamo anche un pezzo prima della creazione per "vedere" chi siamo.
Ebbene l'unica fede che ho, che condivido con pochi a dir il vero, è quella che ripongo nella volontà degli uomini di trovare la verità, di ritrovare la propria dignità. E quando saranno spazzate via le leggende, di ogni razza e colore, allora saremo veramente padroni di noi stessi, senza più manipolazioni, neanche della Torah.
Una coccola a tutti.




Torna all'inizio della Pagina

Macheath
c.s. alato


94 Messaggi

Inserito il - 21/06/2006 :  11:18:05  Mostra Profilo  Rispondi Quotando
Non siamo dannati per aver agito male, ma per non aver agito bene. Cristo non volle mai saperne di una morale negativa: fa’, va’ furono sempre le sue parole, ed egli le sostituì ai divieti.

così dice Stevenson nel Sermone di Natale...

http://www.adelphiana.it/pdf/Stevenson.pdf


dubbio: ma se agire significa di fatto agire bene (il fine dell'agire, della prassi, è risolto in sé) , qual'è la differenza tra morale negatica e positiva?
Torna all'inizio della Pagina

TRILLI
c.s. alato


95 Messaggi

Inserito il - 21/06/2006 :  17:33:56  Mostra Profilo  Rispondi Quotando

...dubbio: ma se agire significa di fatto agire bene (il fine dell'agire, della prassi, è risolto in sé) , qual'è la differenza tra morale negatica e positiva?
[/quote]

...altro dubbio: è sempre così necessario vivere ingabbiati in una morale? E se dessimo ascolto qualche volta alla ns indole di radice più animalesca, cosa accadrebbe?
Mi piace l'indole animalesca. Le cose brutte vengono fatte per spirito di sopravvivenza o per difesa estrema, mai per piacere. Dunque...vediamo... e se creassimo un link fra indole animalesca e legge morale ?
La legge morale che ognuno si cuce addosso, è legata esclusivamente alla sua esperienza di vita, a come ha vissuto una determinato fatto.
E' da qui che si origina, secondo me, la negatività o la positività.
Torna all'inizio della Pagina

f.c.
c.s. oltre


1642 Messaggi

Inserito il - 04/07/2006 :  17:19:48  Mostra Profilo  Rispondi Quotando
Manent/Volant

[img]http://www.orzella.it/Images/chi_siamo/manoscritti.gif[/img]


Negli anni Trenta, quando stava per lasciare la Germania nazista, qualche anima prudente fece presente a Edmund Husserl la necessità di portare in salvo con lui anche tutti i suoi manoscritti:

"Non importa, tanto quello che ho scritto è vero".
Torna all'inizio della Pagina

boboross
c.s. infuocato


397 Messaggi

Inserito il - 06/07/2006 :  14:49:36  Mostra Profilo  Rispondi Quotando
Invece, nel caso che avesse pensato di non aver scritto il vero, li avrebbe portati ?
Torna all'inizio della Pagina
Pagina: di 53  Discussione   
Pagina Successiva
 Nuova Discussione  Rispondi
Vai a:
© Torna all'inizio della Pagina
Generated in 0.09 sec. Tradotto Da: Vincenzo Daniele & Luciano Boccellino- www.targatona.it Distribuito Da: Massimo Farieri - www.superdeejay.net Powered By: Snitz Forums 2000 Version 3.4.03