Home | Profilo | Discussioni Attive | Utenti | Download | Cerca nel web | Cerca | FAQ
Nome Utente:
Password:
Salva Password
Password Dimenticata?

 Tutti i Forum
 letture, scritture
 pensieri del tè (caffè, karkadè, camomilla...)
 Riflessioni
 Nuova Discussione  Rispondi
Pagina Precedente | Pagina Successiva
Autore Discussione Precedente Discussione Discussione Successiva
Pagina: di 5

fiornando
c.s. oltre


573 Messaggi

Inserito il - 25/02/2009 :  10:44:49  Mostra Profilo  Rispondi Quotando
Togli pure il "probabilmente", che è l'avverbio su cui poggia tutta la boria dei nutrizionisti. Ma non è lì il problema. Prendiamo il mio caso, per esempio. Io sono perfettamente cosciente (come vedi, scrivo, poco fa ho finito di tradurre un altro pezzo di Spoon River, che mando a viadellebelledonne). Dalle solite analisi risulta che sono perfettamente sano, a parte i linfociti un po' bassi: in effetti un cancro ha ormai occupato l'80 per cento dei polmoni. Non ho dolori, ma respiro a fatica: anche solo per mangiare, parlare o scrivere devo mettere l'ossigeno al massimo. So che senza ossigeno morirei in pochi minuti. Eppure, paradossalmente, secondo la legge sarebbe lecito togliermi l'ossigeno (accanimento terapeutico) e pomparmi dentro acqua e cibo! So anche che, se non domani fra qualche giorno, qualche settimana, toh, la morte m'aspetta a quel varco: uno strangolamento lento, il cuore che ti scoppia nel petto, il corpo sudato che si divincola nell'impari lotta. Ho già visto morire così. D'una preda la tigre ha più pietà.

Vi pare giusto stare a discutere d'alimentazione e d'idratazione, quando il problema vero è diminuire la cifra di sofferenza a questo mondo, e non accrescerla? Questo è il primo comandamento, che dovrebbe essere anteposto a ogni legge e a ogni distinzione fra bene e male, se è vero che la legge è fatta per l'uomo e non viceversa.

Perché, Dio mio, costringermi al suicidio?

Torna all'inizio della Pagina

nelson dyar
c.s. infuocato


470 Messaggi

Inserito il - 01/03/2009 :  10:25:37  Mostra Profilo  Rispondi Quotando
Le parole per non dirlo


Dove casca l'asinus letterario, ed entra a gran passi il silenzio.
Torna all'inizio della Pagina

fiornando
c.s. oltre


573 Messaggi

Inserito il - 02/03/2009 :  09:45:54  Mostra Profilo  Rispondi Quotando
Sbagli, Nelson: c'è posto per tutti e due. E siccome questo è un sito letterario, non è granché adatto per il silenzio. Ma il mio voleva essere un grido, una testimonianza a favore dell'eutanasia legalizzata - solo questo mi ha fatto vincere il dovuto riserbo.

Vabbè, sono quattro gatti i lettori del cs, non è che l'eco si spande. I grandi media non pubblicano lettere come la mia, chissà perché. Forse perché la lunga mano della Chiesa governa la destra come la sinistra. Fa niente, permettetemi almeno voi questo sfogo, e seguitate a onorare lo spirito delle lettere, che è uno dei pochi a consolarci in vita.
Torna all'inizio della Pagina

nelson dyar
c.s. infuocato


470 Messaggi

Inserito il - 02/03/2009 :  18:06:34  Mostra Profilo  Rispondi Quotando
Ho atteso: un segno, un cenno. Odio così l'amorfa materia di cui sono composti tutti i discorsi, discorsi sulle ombre. Odio questo osceno, corrotto Stato, sdraiato a gambe larghe sulle tragedie altrui. E soprattutto odio lei, la bella dama senza pietà, che non è affatto bella, e nemmeno proprio senza pietà. Il mio odio è così forte che mi sta portando via. Se non riuscirò a trasformare il delirio in sogno, o almeno in una dissolvenza, io... (non continua).

Torna all'inizio della Pagina

o_cugino
c.s. infuocato


132 Messaggi

Inserito il - 06/03/2009 :  18:38:09  Mostra Profilo  Rispondi Quotando
ahi ahi ahi, povero vinal, scusami ma ho dovuto migliorare la tua oscura e contorta riflessione, nel nome di think positive?, no, dell'italiano


[img]http://www.schloesserland-sachsen.de/cms/fileadmin/user_upload/bilder/rou_zw_ku_na_2.jpg[/img]


l'uomo saggio guarda oltre all'apparenza

La realta' non e' che una piccolissima parte della realta', in realta' e' solo un un tranello, al quale siamo aggrappati con tutte le nostre forze, come dei free climber disperati appesi ad uno sperone di roccia sull'orlo dell'abisso. Ma per fortuna c'e' sempre qualcosa che sta dietro ad essa, e' lo sperone di roccia che si stacca. (vinal)


Modificato da - o_cugino in data 07/03/2009 00:53:20
Torna all'inizio della Pagina

nelson dyar
c.s. infuocato


470 Messaggi

Inserito il - 07/03/2009 :  22:03:03  Mostra Profilo  Rispondi Quotando
Chi si firma col proprio nome e cognome, può dire su di sé ciò che vuole, quando vuole, perché ne è responsabile. Può decidere di spezzare una lancia quando serve, perché nella massa c’è sempre una manciata di persone per le quali vale la pena essere, e a queste persone si deve testimoniare la propria storia, perché non debbano soffrire le stesse pene. Esistono i martiri, coloro immolano tutto ciò che hanno, perché le idee non hanno tempo né luogo, e sono l’unico ponte tra noi e l’infinito. Ho conosciuto pochissime persone per le quali è valsa la pena di essere. Una di queste è Fiornando Gabbrielli. Splendono la sua prosa, le sue traduzioni e la sua amicizia, scabre, virili, sprezzanti del pietoso lamento di ometti e donnine; e allo stesso tempo piene di sensibilità e di passione.
Questo comodo rifugio che è il corpo sarà tolto a tutti: il poco importante dettaglio che non sia hic et nunc non deve trarre in inganno.

Modificato da - nelson dyar in data 09/03/2009 10:41:43
Torna all'inizio della Pagina

f.c.
c.s. oltre


1642 Messaggi

Inserito il - 08/03/2009 :  08:10:33  Mostra Profilo  Rispondi Quotando
Nostra


Non era mai successo che nel forum del c.s. ci fosse tanto "silenzio". Il silenzio dopo "il grido" di fiornando a me è apparso il segno più giusto della condivisione, del rispetto e dell'affetto. Non è stato il silenzio vuoto del nulla. Alcuni hanno scelto di scrivere privatamente al cs, saltando dunque il forum. Sono certo che tutti abbiamo avuto lo stesso pugno nello stomaco e che da allora questo dolore è sempre con noi. L'eutanasia, il diritto al proprio congedo dalla vita, rientra in un senso del sacro che in Italia è condiviso dai più, ma quasi segretamente. E' addirittura senso comune, e prova di una natura umana almeno in questo non ancora stravolta dal delirio delle procedure, dall'asfissia dei distinguo tecnologici. La fine della vita è un evento assoluto della vita: scomporlo nei nanosecondi del dolore e dell'agonia, cercando il punto tecnologicamente preciso della sua fine è infame. Ed è sempre meglio finire noi che farsi indefinitamente finire un microbrano alla volta dalle sempre più micidiali macchinette allungamorte che finora abbiamo saputo congegnare. Lo dicevano i teologi cristiani della scolastica: qui incipit numerare incipit errare: non si esce dal labirinto del morire spezzettandolo in sottolabirinti sempre più minuti, che la tecnica maneggiata dagli idioti demagogici e dai funzionari del clero cattolico pretende di controllare. Questo è un delirio incompibile e sempre più osceno. E' dismisura e delirio. Bisogna assolutamente sempre trovare il modo, per impedire lo scempio di noi stessi, e costi quello che costi, di restare alla fine fedeli a "sora nostra Morte corporale": nostra.

Modificato da - f.c. in data 08/03/2009 08:11:57
Torna all'inizio della Pagina

f.c.
c.s. oltre


1642 Messaggi

Inserito il - 16/03/2009 :  15:11:33  Mostra Profilo  Rispondi Quotando
"L’eutanasia "passiva“ invece punta a un dignitoso lasciar morire, nello specifico non proseguendo o non iniziando nemmeno un trattamento volto al prolungamento della vita (per es. l’alimentazione artificiale, la respirazione artificiale o la dialisi, la somministrazione di farmaci come ad esempio antibiotici) nel caso di malati inguaribili e terminali. L’“eutanasia passiva“ presuppone il consenso del morente ed è giuridicamente ed eticamente ammissibile.

Nulla deve restare intentato per permettere alle persone di condurre fino alla morte una vita in pace, dignità e autodeterminazione."

Da: “Christliche Patientenverfügung” (Disposizioni sanitarie del paziente cristiano), testo comune di cattolici e protestanti contenente disposizioni sul fine vita, siglato nel 1999 (rivisto nel 2003), che porta le firme del Presidente della Conferenza Episcopale tedesca cardinale K. Lehmann e del Presidente del Consiglio delle Chiese evangeliche tedesche M. Kock.
Torna all'inizio della Pagina

f.c.
c.s. oltre


1642 Messaggi

Inserito il - 18/03/2009 :  16:19:09  Mostra Profilo  Rispondi Quotando
fiornando

[img]http://taccuinoditraduzione.files.wordpress.com/2009/02/cvetaeva.jpg[/img]


Ho conosciuto Fiornando Gabbrielli grazie a un articolo di Nadia Fusini su Repubblica di diversi anni fa. La Fusini parlava benissimo di un sito letterario (http://www.e-book4free.com) in cui era possibile trovare inediti, traduzioni, ecc. In quel numero di e-book4free erano state appena pubblicate le traduzioni di Fiornando di tutto (tutto!) John Donne. Gli scrissi per chiedergli delle traduzioni. A lui “il compagno segreto” piacque e da allora è stato per noi semplicemente magnifico in tutte le occasioni in cui gli chiesi di scrivere o di tradurre. Poche ciance e molti fatti. Nessun narcisismo, solo amore per la letteratura come uno dei modi incondizionabili di amare la vita. - Le traduzioni arrivavano in un battibaleno, sempre belle, forti, coraggiose. Ho sentito incommensurabilmente di più nelle sue versioni la poesia di Brodsky e della Cvetaeva che nelle traduzioni Adelphi. Mi sarà sempre impossibile separare Marina Cvetaeva da certe cose che mi scrisse rispondendo a miei dubbi, squarciando il velo a certe mie cecità. Il forum è ricco di interventi suoi con cui non era mai obbligatorio essere d’accordo. L’onestà di Fiornando era assoluta; non essere d’accordo con lui è stato sempre un modo per me di ritrovarmi più ricco, più sveglio, più vitale. Scettico, carnale, ironico, drastico, aveva un suo “rasoio” per riportare sempre le cose a misura della vita tangibile, odorabile, godibile. Era amico dei vocabolari e delle etimologie. Era pignolo, preciso, testardo. Non sempre ero d’accordo con lui, con la sua onesta intelligente visceralità, e quanto mi mancherà questa dissonanza.
Torna all'inizio della Pagina

boboross
c.s. infuocato


397 Messaggi

Inserito il - 03/05/2009 :  14:30:47  Mostra Profilo  Rispondi Quotando
<< Siete riusciti nella vita ? Non saprete mai che cos'è l'orgoglio >>
E.M. Cioran

Monumento all'acidità
Torna all'inizio della Pagina

nelson dyar
c.s. infuocato


470 Messaggi

Inserito il - 03/05/2009 :  15:03:48  Mostra Profilo  Rispondi Quotando
[img]http://www.sordogiovanni.it/img/barbaresco.jpg[/img]

...Acido? Provare per credere.
Torna all'inizio della Pagina

boboross
c.s. infuocato


397 Messaggi

Inserito il - 03/05/2009 :  17:43:22  Mostra Profilo  Rispondi Quotando
Te tu mi insegui, egregia nelson dyar
Torna all'inizio della Pagina

boboross
c.s. infuocato


397 Messaggi

Inserito il - 09/05/2009 :  17:50:32  Mostra Profilo  Rispondi Quotando
La brevità epigrammatica è il più sottile travestimento della stupidità.
Cave..


N. GOMEZ DAVILA
Torna all'inizio della Pagina

nelson dyar
c.s. infuocato


470 Messaggi

Inserito il - 09/05/2009 :  23:06:29  Mostra Profilo  Rispondi Quotando
Detto da uno che è assai famoso per i suoi, suona illuminante.
Torna all'inizio della Pagina

boboross
c.s. infuocato


397 Messaggi

Inserito il - 12/05/2009 :  13:27:18  Mostra Profilo  Rispondi Quotando
Il che dimostra la grandezza di Gomez Davila, il quale modestamente dice di non farsi abbindolare da quelli che con dieci parole sembrano dire chissà che cosa e poi rimestano nell'acqua calda.
Torna all'inizio della Pagina
Pagina: di 5 Discussione Precedente Discussione Discussione Successiva  
Pagina Precedente | Pagina Successiva
 Nuova Discussione  Rispondi
Vai a:
© Torna all'inizio della Pagina
Generated in 0.09 sec. Tradotto Da: Vincenzo Daniele & Luciano Boccellino- www.targatona.it Distribuito Da: Massimo Farieri - www.superdeejay.net Powered By: Snitz Forums 2000 Version 3.4.03