Home | Profilo | Discussioni Attive | Utenti | Download | Cerca nel web | Cerca | FAQ
Nome Utente:
Password:
Salva Password
Password Dimenticata?

 Tutti i Forum
 letture, scritture
 pensieri del tè (caffè, karkadè, camomilla...)
 Riflessioni
 Nuova Discussione  Rispondi
Pagina Precedente | Pagina Successiva
Autore Discussione Precedente Discussione Discussione Successiva
Pagina: di 5

boboross
c.s. infuocato


397 Messaggi

Inserito il - 02/06/2009 :  14:55:12  Mostra Profilo  Rispondi Quotando
<< Una villania prevale e ha la meglio su ogni altro argomento, e meno che il nostro avversario non replichi con una villania ancora maggiore...siamo noi i vincitori>>
A. Schopenauer

Questa regola elementare è stata usata molto in Italia d auna parte, metre l'altra si è riempita la bocca con espressioni tipo: "In Europa non sarebbe permesso etc...".
Chi ha vinto ?
Torna all'inizio della Pagina

nelson dyar
c.s. infuocato


470 Messaggi

Inserito il - 10/06/2009 :  19:51:47  Mostra Profilo  Rispondi Quotando
STUPIDI ESTREMISMI


"Il mutismo è uno degli attributi della perfezione."
Torna all'inizio della Pagina

boboross
c.s. infuocato


397 Messaggi

Inserito il - 14/06/2009 :  12:23:11  Mostra Profilo  Rispondi Quotando
<< La vida es sueno: poiché tutto lavora a cancellare il sogno, noi che ci accaniamo a trasmetterlo, a snidarlo dai tombini, da ultimi saremo i primi >>.
Guido Ceronetti

P.S. Imbranato come sono, non ho trovato la cedille sula tastiera.
Torna all'inizio della Pagina

boboross
c.s. infuocato


397 Messaggi

Inserito il - 17/06/2009 :  19:14:59  Mostra Profilo  Rispondi Quotando
<< La Terra non rimpiangerà l'uomo, nè l'Uomo la terra.Una coppia troppo litigiosa che con le sue urla disturbava gli astri vicini . >>
Guido Ceronetti-Insetti senza frontiere.

Acuto ciò che scrive Ceronetti. Tuttavia, manca quella fulmineità aforistica che appartiene ai campioni della specialità.
Forse sarà la nostra lingua, così piena di vocali, che non consente di giungere alla confezione di quei << piccoli ordigni contro l'umanità >> di cui dice GIovanni Macchia parlando di La Rochefoucauld.
Ora aspetto la confutazione che invera.
Torna all'inizio della Pagina

o_cugino
c.s. infuocato


132 Messaggi

Inserito il - 18/06/2009 :  02:12:45  Mostra Profilo  Rispondi Quotando

come dire che il riso rimpiange di non essere cotto. Piu' che i fulmini quello che manca e' un minimo di originalita' ...per il resto secondo me va tutto bene.


Torna all'inizio della Pagina

boboross
c.s. infuocato


397 Messaggi

Inserito il - 10/07/2009 :  22:49:39  Mostra Profilo  Rispondi Quotando
<< Una volta lessi i Vangeli >>, disse, << un libro strano >>.
<< Soltanto strano ? >> chiesi
Ebbe un'esiitazione. << Anche pieno di superbia >>, disse, << sia detto senza cattivewria >>.
<< Temo di non capire molto bene >>, dissi io.
<< Mi riferivo a Cristo >>, disse lui.
L'orologio della stazione batté la mezzanotte e mezzo, Sentivo che il sonno si stava impossessando di me.Dal parco dietro i binari arrivò il gracchiare dei corvi.<< Vranasi è Benares >>, dissi, << è una città santa, anche lei va in pellegrinaggio ? >>
Il mio compagno spense la sigaretta e tossì legermente. << Vado a morire >>, disse, << mi restano pochi giorni di vita >>. Si sistemò il cuscino sotto la testa. << Ma forse è opportuno dormire >> continuò, << non abbiamo molte ore di sonno, il mio treno parte alle cinque>>.
<< Il mio parte poco dopo >>, dissi.

Antonio Tabucchi

Modificato da - boboross in data 10/07/2009 22:50:51
Torna all'inizio della Pagina

boboross
c.s. infuocato


397 Messaggi

Inserito il - 18/07/2009 :  12:26:14  Mostra Profilo  Rispondi Quotando
<< Da ubriaco a Liputin. Liputin è un traditore. Io gli ho aperto il mio cuore.>>, sussurrò il povero capitano.
<< Il cuore è il cuore, ma non bisogna anche essere dei cretini.Se avevate qualche idea, dovevate tenervela per voi; oggi gli uomini intelligenti tacciono e non parlano. >>


Dostoevskji, I demoni
Torna all'inizio della Pagina

boboross
c.s. infuocato


397 Messaggi

Inserito il - 25/07/2009 :  21:00:03  Mostra Profilo  Rispondi Quotando
<< Non regge la dottrina rinsecchita della teologia ufficiale cattolica del male come privatio boni mentre regge, con qualche vacillare sulle gambe, l'idea del bene come provvisoria diminutio mali.E' nel male che l'umanità ha sfiorato spesso ogni giorno l'assoluto della perfezione.A guardare l'evoluzione storica si direbbe che lo persegua.Per strappare un atomo di perfetto bene , quanto prezzo di fatica!>>
Guido Ceronetti

Sarei d'accordo se non dissentissi con qualsiasi idea che il divenire e la storia tendano a qualcosa.
Questi sono gli ultimi post che potrò scrivere per qulalche tempo, prima di procurarmi un nuovo account, anche per navigare nelle lunghe serate, verosimilmente solitarie, che mi attendono.
Fra qualche giorno mi trasferisco in un capoluogo delle Tre Venezie e vi rimarrò per non pochi mesi, I suppose.
Avere una connessione Internet sarà uno dei pensieri secondi.
Torna all'inizio della Pagina

f.c.
c.s. oltre


1642 Messaggi

Inserito il - 26/07/2009 :  11:01:29  Mostra Profilo  Rispondi Quotando
tutto bene

[img]http://files.splinder.com/08ab01d833fe773a29cbd76c3e9cdc6b.jpeg[/img]


Proprio in questi giorni, e per motivi poco più che strettamente personali, avevo ripensato proprio all'idea agostiniana del Male privazione del Bene (e cioè privazione dell'Essere, e quindi all'idea del Male come nulla). E mi era suonata improvvisamente più vera di sempre.
Ho anche letto da poco i Diari luminosi e corroboranti di Etty Hillesum... c'è quella pagina in cui parla all'ufficialetto della Gestapo, omino da poco e isterico, davanti al quale non riesce a non sorridere. Quell'ometto cosa può farle se non ucciderla? E infatti.

Il male del Male è la sua capacità di farsi credere da noi. Un gigantesco affatturamento. Mi viene in mente che, per tutt'altre strade, arriva alla stessa conclusione Emanuele Severino, e, per tutt'altre strade ancora, dice un po' lo stesso Benjamin: quando racconta la storia degli uomini - teatro prediletto del Male - come sogno: il Male come sogno da cui risvegliarsi. E come sarà visto quel Male così onirico da chi si è risvegliato? Perfino un po' buddista, vero?

So che quanto ho scritto può sembrare un discorso che non sta andando da nessuna parte. Allora la metto giù il più pesantemente possibile: il Male sarebbe il nostro dolore e la nostra morte? Se sì, certo che non basterà affidarsi all'idea di Agostino del Male fatto di niente; se no, se il nostro dolore e la nostra stessa morte, non sono di per sé il male, perché il nostro bene è per sua natura intangibile, allora tutto cambia. E poiché il Bene, anche se neppure partecipa alle elezioni, ha le sue lente astuzie e le sue tenacie, allora va bene così: va bene così in ogni caso (mentre il Male è molto più attento alla valutazione delle opzioni).

Caro bobo, buon Triveneto, e torna presto.
Torna all'inizio della Pagina

nelson dyar
c.s. infuocato


470 Messaggi

Inserito il - 26/07/2009 :  12:33:28  Mostra Profilo  Rispondi Quotando
Deserving


[img]http://www.presentmagazine.com/media_vault/images/1221706721.jpg[/img]


"Ho acquisito qualche merito eterno nei confronti dell'umanità: non ho mai scritto un cattivo libro, e non ho il rimorso di aver aggiunto un altro infelice a quelli che già vivono su questa terra."

E. Hillesum
Torna all'inizio della Pagina

boboross
c.s. infuocato


397 Messaggi

Inserito il - 26/07/2009 :  20:37:51  Mostra Profilo  Rispondi Quotando
<< La conoscenza non produce la morale, gli esseri colti non sono necessariamente buoni: questa è la grande critica che Rousseau rivolge ai suoi contemporanei scientisti e uomini dei lumi....
Il progetto democratico, fondato sul pensiero umanista, non conduce all'instaurazione del paradiso in terra.Non è che ignori il male nel mondo e nell'uomo, né che voglia rassegnarvisi; ma non postula che questo male possa essere estirpato radicalmente una volta per tutte. << I beni e i mali sono consustanziati alla nostra vita >> scrive Montaigne e Rousseau : << Il bene e il male colano dalla medesima sorgente >>. Se bene e male sono consustanziali alla nostra vita è perché risultano dalla libertà umana , dalla possibilità che abbiamo di scegliere a ogni istante fra numerose opzioni.
La loro fonte comune è la nostra sociabilità e la nostra incompletezza, che fanno sì che abbiamo bisogno degli altri per assicurare il sentimento della nostra esistenza >>

Per ravvivare il dibattito riporto questo pezzo da quello splendido saggio di Tzvetan Todorov che è MEMORIA DEL MALE, TENTAZIONE DEL BENE.
Un libro che mi ha commosso quando ha ripercorso la biografia di alcune figure che hanno sentito sopra e intorno a sè tutta la malvagità del c.d. secolo breve ( e meno male!).
Lo stesso titolo è un saggio, laddove la normalità è il male ( male accaduto di cui si serba la memoria ) e il bene può costituire solo una tentazione come il tradimento del partner che ora si realizza, ora no.

Caro f.c. ti ringrazio ancora. Stavolta, se capito a Trieste ( da dove non sarò lontano), l'elenco telefonico lo compulserò.

Modificato da - boboross in data 26/07/2009 20:41:56
Torna all'inizio della Pagina

orlandogibbons
c.s. acquatico


57 Messaggi

Inserito il - 18/12/2009 :  19:11:21  Mostra Profilo  Rispondi Quotando
Domanda: dove venga meno la socialità - che è fonte vivificante del male/bene - vengono meno le opzioni? Ovvero il male/bene esiste solo in ragione dell'esistenza dell'Altro?

la domanda è provocatoria perché il passaggio sopra riportato dal saggio di Todorov - a leggerlo così, senza saperne niente com'io mi trovo a essere - contiene uno spunto interessante e una serie di corollari assolutamente non verificati.


Modificato da - orlandogibbons in data 22/12/2009 08:09:06
Torna all'inizio della Pagina

nelson dyar
c.s. infuocato


470 Messaggi

Inserito il - 18/12/2009 :  21:37:48  Mostra Profilo  Rispondi Quotando

Forse non siamo niente di diverso dalla famosa scimmia che "dopo mesi di blandizie da parte di uno scienziato", arrivò a disegnare le sbarre della propria gabbia.

Modificato da - nelson dyar in data 18/12/2009 21:41:34
Torna all'inizio della Pagina

boboross
c.s. infuocato


397 Messaggi

Inserito il - 20/12/2009 :  21:44:52  Mostra Profilo  Rispondi Quotando
<< Poi tutto trovò pace in un mucchietto di polvere livida. >>

E' l'ultima frase del << GATTOPARDO >>.
Torna all'inizio della Pagina

boboross
c.s. infuocato


397 Messaggi

Inserito il - 31/12/2009 :  19:41:20  Mostra Profilo  Rispondi Quotando
PESSIMISMO
Atteggiamento filosofico imposto, a dispetto delle più radicate convinzioni, dalla scoraggiante prevalenza degli ottimisti con le loro speranze da spaventapasseri e i loro stolidi, esasperanti sorrisi.
Ambrose Bierce

Pensiero apparentemente incongruo a poche dal sollevarsi dei calici e dallo scambiarsi di auguri frenetico, ma meglio bere di tanto in tanto alla fonte corrosiva dei moralisti che far finta di niente.
Buon 2010.
Torna all'inizio della Pagina
Pagina: di 5 Discussione Precedente Discussione Discussione Successiva  
Pagina Precedente | Pagina Successiva
 Nuova Discussione  Rispondi
Vai a:
© Torna all'inizio della Pagina
Generated in 0.09 sec. Tradotto Da: Vincenzo Daniele & Luciano Boccellino- www.targatona.it Distribuito Da: Massimo Farieri - www.superdeejay.net Powered By: Snitz Forums 2000 Version 3.4.03