Home | Profilo | Discussioni Attive | Utenti | Download | Cerca nel web | Cerca | FAQ
Nome Utente:
Password:
Salva Password
Password Dimenticata?

 Tutti i Forum
 letture, scritture
 pensieri del tè (caffè, karkadè, camomilla...)
 proviamo?
 Nuova Discussione  Rispondi
Pagina Precedente | Pagina Successiva
Autore  Discussione Discussione Successiva
Pagina: di 28

f.c.
c.s. oltre


1642 Messaggi

Inserito il - 26/06/2003 :  15:26:56  Mostra Profilo  Rispondi Quotando
"Oggi non è cosa alcuna che faccia vergogna appresso gli uomini usati e sperimentati nel mondo, salvo che il vergognarsi"
(G. LEOPARDI, "Detti memorabili di Filippo Ottonieri", Operette Morali)
Torna all'inizio della Pagina

brummell
c.s. alato


99 Messaggi

Inserito il - 27/06/2003 :  14:46:17  Mostra Profilo  Rispondi Quotando
...le donne chiamano menzogna ciò che per loro è segreto, segreto riposto, da cui sboccia il fiore del nuovo amore. Le donne uccidono il passato tacendolo, gli uomini parlandone.

(Les caprices de la jalousie, dal Journal d'un homme Trompé,
Pierre Drieu La Rochelle)

Torna all'inizio della Pagina

f.c.
c.s. oltre


1642 Messaggi

Inserito il - 27/06/2003 :  23:54:59  Mostra Profilo  Rispondi Quotando
Trovare la propria consolazione in tutto
Persino gl'inutili provano la consolazione di essere eterni. Non c'è affanno che non abbia il suo sollievo: gli sciocchi lo trovano nell'essere felici; ed è comune il detto: "Fortuna della brutta." Per vivere a lungo, occorre valere poco. Il viso sbreccolato è quello che non finisce mai di rompersi e viene a noia per la sua durata. Sembra che la fortuna sia invidiosa delle persone più importanti, poiché eguaglia la durata con l'inutilità di alcune e l'importanza con la brevità di altre. Verranno meno tutti quelli ch'è necessario vivano, e rimarrà eterno chi non serve a niente, o perchè sembra tale o perchè è realmente tale. Si direbbe che la fortuna e la morte si mettano d'accordo per dimenticare il disgraziato.

(Baltasar Graciàn, da "Oracolo manuale e arte della prudenza", citato in G. MACCHIA "I moralisti classici")
Torna all'inizio della Pagina

brummell
c.s. alato


99 Messaggi

Inserito il - 28/06/2003 :  12:27:30  Mostra Profilo  Rispondi Quotando
perché, in finale, Zenone aveva proprio ragione!

... ma gli mancava completamente quella rapidità di riflessi, quei guizzi belluini propri ai ragazzi che abbiano appreso lezioni di crudeltà e destrezza dai coetanei. Come agli eroi era necessario entrar nell'erebo per imparare dalla sete di sangue dei trapassati ciò che fosse la lor stessa vita, così era fatale che pure Lotario imparasse i gesti non ponderati ma dettati dal terrore e dallo sgomento; che scendesse agli inferi.

Elémire Zolla (no, no, non preferisco la folla!), Minuetto all'inferno, "gettone vittorino".
Torna all'inizio della Pagina

orfano sannita
c.s. infuocato


308 Messaggi

Inserito il - 01/07/2003 :  20:06:31  Mostra Profilo  Rispondi Quotando
"Ma nel nostro Novecento, anche le lettere dei letterati appaiono misere: poche affrettate righe di meschinità editoriali e giornalistiche pratiche, e preoccupazioni per compensi da ricevere, con grullerie da goliardi invecchiati circa i soldi: però senza esperienze o passioni di scoperte o entusiasmi o sfide culturali e qualche coraggio nei giudizi spirituali, intellettuali, civici, politici."
(A. Arbasino, Paesaggio italiano con zombi, Adelphi 1998)
Torna all'inizio della Pagina

fumodifumo
nuovo c.s.


14 Messaggi

Inserito il - 04/07/2003 :  09:17:29  Mostra Profilo  Rispondi Quotando
DOLORI


...nell'umana realtà della vita, anche per i grandi mistici, la lotta contro il dolore è un'usura. Consentire alla sofferenza è un suicidio lento. Perché i grandi dolori, anche quando tacciono, mai restano muti.

(René Leriche, Chirurgie de la Douleur)

Torna all'inizio della Pagina

boboross
c.s. infuocato


397 Messaggi

Inserito il - 15/07/2003 :  22:17:53  Mostra Profilo  Rispondi Quotando
" Ci è stato insegnato di rispettare i magistrati e le leggi e non dimenticare mai che dobbiamo proteggere coloro che ricevono offesa. E ci è stato anche insegnato di rispettare quelle leggi non scritte la cui sanzione risiede solo nell'universale sentimento di ciò che è giusto".
Pericle in Tucidide: La guerra del Peloponneso, II 37-41.

A tutti i disimpegnati che frequentano i forum. Forse un po' troppo disimpegnati...
Torna all'inizio della Pagina

tamer
c.s. alato


101 Messaggi

Inserito il - 16/07/2003 :  17:44:36  Mostra Profilo  Rispondi Quotando
Salute a te, Boboross, qui ti risponde il primo disimpegnato della lista, e lo fa con la speranza di scardinare un preconcetto: Grecia quale esempio di fulminante Etica Razionale:
"...quando sento parlare di "pervenire a un'etica razionale" mi sento agghiacciare. Già, di per sé, mi inorridisce l'aggettivo razionale.
Che significa Razionale? forse "privo di contraddizioni"? l'Ethica è un insieme di giudizi morali propri di un gruppo che li condivide, i suoi caratteri sono VIRTU' e SPONTANEITA', non l'obbedienza alle regole.
L'Ethica è un abbandono.
Disse Meister Echkart: lasciarti andare e fa che la Deità (non DIO) operi in te. D'altra parte fondare un'Ethica significa edificare un'utopia, prospettare un sistema senza base che, tuttavia, può essere lanciato come programma nel mondo politico. Così, la follia è sempre implicita nella proposta di etiche nuove. Platone affermava che soltanto sulla follia si instaura un ordinamento.
E' dal panico che l'uomo tenta di fuggire edificando un sistema. Quindi è Pan, il terrifico, la radice dei raggiungimenti umani."


(da Letture, 1991, intervista a Elémire Zolla)
Torna all'inizio della Pagina

boboross
c.s. infuocato


397 Messaggi

Inserito il - 20/07/2003 :  09:42:50  Mostra Profilo  Rispondi Quotando
Per gli amanti del désengagement:
"che m'importa di tutte queste chiacchiere? In vita mia non mi sono mai occupato di politica!
E quale vantaggio ne ricavi amico mio? E' lei ad occuparsi di te in ogni attimo della tua vita!"
Arthur Schnitzler: IL LIBRO DEI MOTTI E DELLE RIFLESSIONI


Torna all'inizio della Pagina

gas
Amministratore


599 Messaggi

Inserito il - 22/07/2003 :  18:37:40  Mostra Profilo  Rispondi Quotando
"Le parole umane alle volte sono così rozze, si ha vergogna persino a bisbigliarle"

Afanasij Afanes'evic Sensin (1820 - 1892)

(sai caro Bobo, sarò terribilmente insolente, e perdonami per questo, ma l'imperativo d'esser sempre à la page, sempre perfettamente inserito nel mio tempo, volente o nolente comunque "presente" agli eventi d'attorno, ecco, questo ossessivo Diktat -l'avrai capito- io mi provo a rifiutarlo, e in tutto e per tutto. Soprattutto perché non voglio scoprirmi un giorno sbandato "a POVERE METE", magari nel tentativo di rincorrere un ruolo, una poltrona, anche solo quella di casa mia, l'onesta "seggetta del cittadino". no no.
Pretendo semmai sia il tempo ad adeguarsi -almeno un pochino- a me. e se proprio non ci riesce, beh almeno s'astenga dall'ingerire!, "per cortesia, mi lasci nel buio")
Torna all'inizio della Pagina

m.c.
c.s. infuocato


159 Messaggi

Inserito il - 22/07/2003 :  19:41:24  Mostra Profilo  Rispondi Quotando
gas, forse si addice a te..."erano soprattutto quel genere di uomini di spirito e dediti ai piaceri, che, forse, si occupano seriamente al mattino dei loro affari, ma, la sera, se ne infischiano di tutto, vanno all'Opèra, e soprattutto non cavillano sul potere e la sua origine; poichè, in questo caso, dovrebbero farsi cattivo sangue, criticare, essere tristi." Stendhal, Il cacciatore verde
Più leggo Stendhal e più mi convinco che era un grande.saluti a tutti.
Torna all'inizio della Pagina

boboross
c.s. infuocato


397 Messaggi

Inserito il - 23/07/2003 :  14:17:05  Mostra Profilo  Rispondi Quotando
Pour les amants duu désengagement, des vers qui ne disent rien:
-Bah., malgrado il destino invidioso
moriamo insieme, volete?
-La proposta è singolare

_Ciò che è singolare è bene.Dunque moriamo
come nei Decameroni.
-Eh!Eh!Eh!che amante bizzarro!

(P. Verlaine: Feste Galanti)

Perché questi versi?
Perché non dicono niente.
Torna all'inizio della Pagina

fumodifumo
nuovo c.s.


14 Messaggi

Inserito il - 30/07/2003 :  19:44:15  Mostra Profilo  Rispondi Quotando
mi fai morire dal ridere boboross, mi farai morire s-belli-cato un giorno o l'altro. a parte il fatto ch'io rivendico l'opportunità d'esser tutti dei cablocriptofuturisti e Zang Tumb Tuuum, bombardamento su Adrianopoli! ... a parte questo, che già la dice lunga e la dice abbastanza "mala" sul mio conto, a parte questo - dicevo - ma perché dei semplici versi dovrebbero aver un significato? ma che adesso ci mettiamo pure a sindacare sulla "recondita armonia" della canzoncina "nella vecchia fattoria"?

non ti basta, caro boboross, che dei versi siano gratuitamente belli, esattamente come le mani fumanti della vispa dama che cenerà con me, stasera (o forse era ieri?), no, dico, non ti basta? io non cerco altro. la mia apocalisse è un fiore di campo.

...sicché l'unico impegno che davvero riesco a concepire è quello rivolto a sé stessi. Poco mi importa, insomma, se uno scrittore si ponga poi certe tal questioni rispetto a questo o a quel problema contingente; io desidero soltanto sia a tal punto dedito a sé che finisca un giorno col ritrovarsi dimentico del sé (io)... che si faccia, insomma, benignamente fagocitare dalla balena. (e vedremo poi che olio di fegato ne esce fuori!)

Impegnarsi solennemente dinanzi al proprio riflesso nello specchio, impegnarsi di fronte al gesto rituale dello scrivere, ecco tutto.

...in tal senso li vedo addirittura "politici" quei versi del satiraccio Verlaine, e persino un poco urticanti, da "Engagement Feroce", i couplets frivoli e spensierati di un Noel Coward o di una Alexandra Dagmar Lawrence...

"assumere diversi interessi esterni, posticci, fittizi, conduce soltanto a FALSIFYING A GIFT".
la poesia è o non è un dono? gravarla di false pretese sarebbe così, così... così scortese da parte nostra... e io non me la sento d'essere tanto irriconoscente...
Torna all'inizio della Pagina

orfano sannita
c.s. infuocato


308 Messaggi

Inserito il - 04/08/2003 :  22:56:05  Mostra Profilo  Rispondi Quotando
"...l'uomo dimentica sempre che ciò che era bene in passato non resta tale per sempre, ma continua a percorrere a lungo "vie" che non sono più "rette" da un pezzo, a prezzo di enormi sacrifici e di fatiche inaudite, senza rendersi conto che ciò che in passato era bene nel presente non lo è più. Questo avviene nel piccolo come nel grande."
(C. G. Jung, "Tipi psicologici").
Torna all'inizio della Pagina

boboross
c.s. infuocato


397 Messaggi

Inserito il - 05/08/2003 :  16:12:34  Mostra Profilo  Rispondi Quotando
Di ritorno da un tour mitteleuropeo, un pensierino di Arthur Schnitzler:
CHI HA UMORISMO QUASI CERTAMENTE HA GENIO. CHI HA SOLTANTO ARGUZIA, DI SOLITO NON HA NEMMENO QUELLA.
Invero,avrei voluto mettere qui un altro pensiero, ma non desidero gettare sassi rumorosi contro la turris eburnea, né suscitare scoppi di risa.

Torna all'inizio della Pagina
Pagina: di 28  Discussione Discussione Successiva  
Pagina Precedente | Pagina Successiva
 Nuova Discussione  Rispondi
Vai a:
© Torna all'inizio della Pagina
Generated in 0.06 sec. Tradotto Da: Vincenzo Daniele & Luciano Boccellino- www.targatona.it Distribuito Da: Massimo Farieri - www.superdeejay.net Powered By: Snitz Forums 2000 Version 3.4.03