Home | Profilo | Discussioni Attive | Utenti | Download | Cerca nel web | Cerca | FAQ
Nome Utente:
Password:
Salva Password
Password Dimenticata?

 Tutti i Forum
 letture, scritture
 Qual è il lettore ideale?
 Timido signore di moltutudini
 Nuova Discussione  Rispondi
Pagina Precedente | Pagina Successiva
Autore  Discussione Discussione Successiva
Pagina: di 28

f.c.
c.s. oltre


1642 Messaggi

Inserito il - 20/05/2007 :  10:08:22  Mostra Profilo  Rispondi Quotando
A touch of black

[img]http://www.filmreference.com/images/sjff_01_img0501.jpg[/img]


Come vedi, Ben Hur (Ramon Miguel Vargas detto Mike) venne fatto nero. Una delle volute ironie del film è il commissario messicano bello e aitante e il poliziotto americano grasso e grottesco. Il messicano fedele ai princìpi e l'americano capace di ogni pragmatica nefandezza. Il bruno messicano però è sposato con la biondassa di Psycho Janet Leight, mentre l'americano ama la gitana fattucchiera Tanya (la Dietrich, anche lei con parrucca corvina). Charlot Heaston, antipaticissimo maniaco di pistole e fucili distribuite anche agli infanti paraplegici e psicolabili (vedi "Bowling for Columbine") ha il merito eterno di aver permesso e salvato il capolavoro: pretese lui Welles alla regia, quando ormai in America era appestato dall'incancellabile nomea di sfasciafilm, e risolutamente minacciò di piantare il set quando i soliti produttori pavidissimi, presi da consueti conati di panico, avevano deciso di licenziare il genio a metà riprese. Da ciò da parte di Welles gratitudine eterna per l'onestissismo Heston.

[img]http://archives.artgallery.nsw.gov.au/__data/page/4029/touch_of_evil.jpg[/img]


(La parte di Marlene fu praticamente improvvisata sul set: lei era passata a trovare Orson, venne fuori che aveva tre giorni liberi, e il genio le confezionò la parte indimenticabile lì per lì, sul momento: vedi nel compagno segreto, "La casa di Tanya": http://www.compagnosegreto.it/NUMERO11/libro2.htm).
Torna all'inizio della Pagina

n/a
deleted


402 Messaggi

Inserito il - 20/05/2007 :  11:41:52  Mostra Profilo  Rispondi Quotando
... e gratitudine a te, era un mio dubbio irrisolto in un film stupendo come quello.
Ma perche' non ne fanno piu' di film cosi belli? mi sembra che gli attuali siano quasi tutti delle porcherie tecnologiche, anche quelli dei migliori registi, potenza del denaro o impotenza degli spettatori? o tutti e due combinati assieme?
Torna all'inizio della Pagina

campi giovanni
c.s. oltre


861 Messaggi

Inserito il - 20/05/2007 :  13:40:13  Mostra Profilo  Rispondi Quotando

l'ora ics in due punti

1 ciò credo

" - Che ne sarà ora del fochista? - domandò Karl senza badare agli
ultimi racconti dello zio. Nella sua nuova situazione, credeva di
poter dire ciò che gli passava nella testa...

2 quel ciò credo

" - Il fochista avrà quel che si merita, - disse il senatore - e ciò
che riterrà giusto il capitano. Credo che del fochista ne abbiano
tutti abbastanza, più che abbastanza, e ognuno dei signori qui pre-
senti non potrà che trovarsi d'accordo in proposito...

summe sottratte questo niente conto credo

"Ma questo non conta niente in una questione di giustizia, - disse
Karl. Stava in piedi fra lo zio e il capitano e, forse grazie a que-
sta posizione, credeva d'aver la decisione in pugno."

impugnare decisioni?

(F.Kafka, Il fochista)


Campi Giovanni
Torna all'inizio della Pagina

n/a
deleted


402 Messaggi

Inserito il - 21/05/2007 :  02:18:44  Mostra Profilo  Rispondi Quotando
“Mi meraviglia alquanto signor senatore che lei possa permettere che si tratti cosi il mio cliente, il fuochista, come rappresentante degli stati uniti, e dei suoi elettori, lei non sta dando un bell’esempio di democrazia e giustizia, il nostro paese si vanta di essere una grande democrazia” Alvin per nulla intimorito dalla situazione parlava stando accanto al fuochista, davanti al senatore e al capitano, ignorando intenzionalmente il capo della sala macchine,
“Mi scusi, ma chi e’ lei? non l’avevo notato durante questa discussione” disse il senatore
“sono Alvin, un avvocato del piu’ grande studio di Boston, e rappresento il fuochista, che oltretutto e’ un mio bisnonno”
“un suo bisnonno?”
“si certo, vengo dal 2007, un gioco ha letto la storia e siccome non ci vedeva chiaro, sapendo che io ero il suo pronipote mi ha chiamato in difesa del mio parente, in ogni caso sappia che sarei intervenuto ugualmente, mi sembra uno di quei casi di ingiustizia che non si possono tollerare in un paese civile come il nostro”
“ma questa nave non e’ americana, quindi io non posso fare nulla, eccettuato il fatto di esprimere il mio punto di vista” rispose il senatore,
ed Alvin severo “mi dispiace che la pensi cosi signor senatore, e mi dispiace per suo nipote karl, non da certo un buon esempio a quel ragazzo, che sta per mettere piede per la prima volta nel nostro paese, l’avverto comunque che questa cosa potrebbe finire sui giornali, con le conseguenze che lascio a lei immaginare, e nel caso dimostrassi di aver ragione..”
“mi scusi se la interrompo, e ne approfitto per presentarmi, sono il capitano della nave, vorrei farle notare anch’io che questa nave non e’ americana, e’ una faccenda interna alla compagnia”
“ho gia’ pronta una denuncia contro la compagnia, se lei non intende fare nulla in difesa del mio cliente la presentero’ molto presto, e risolveremo la questione in tribunale”
“guardi che questo non e’ il suo tempo, le leggi del 2007 qui non sono valide”
“ vorrebbe dire che in questo tempo non si rispetta la giustizia?”
“no di certo, ma nel nostro tempo le cose vanno diversamente”
“allora vuol dire che non intende fare nulla e dar torto al mio cliente?”
“non ho ancora preso alcuna decisione in merito, vorrei riesaminare la questione”
“ bene signor capitano, le concedo questa notte per pensarci, lei immagina ovviamente le conseguenze di quello che decidera’, nel frattempo la nave rimarra’ ancorata qui nel porto, in attesa che questa faccenda sia risolta, forse e’ meglio che si consulti in fretta con qualche responsabile della sua compagnia, poi mi faccia sapere“
“d’accordo, sto gia’ pensando a quello che faro’”
“le ricordo che ho un sacco di testimoni, sono sparpagliati in sala macchine, ponte di comando, tolda, plancia, e pure in coperta e sottocoperta, per ora sono solo testimoni “segreti”, ma in seguito vedremo, le faccio solo un nome tanto per avvertirla, Zen... La voglio infine informare che quel mio collega, mi sembra si chiami avv Franz, non potra’ piu’ difendervi, a presto signor capitano...signori“

(spero la faccenda finisca qui, loro non lo sanno, ma io devo tornare immediatamente nel 2007, ho in corso qualche piccola guerra, una si capisce che e’ notturna, delle altre non mi va di parlare, ma in comune hanno tutte l’attesa di mettere le mani addosso alla mia vita, per strangolarla, e’ ovvio)

avv Alvin
Torna all'inizio della Pagina

f.c.
c.s. oltre


1642 Messaggi

Inserito il - 22/05/2007 :  07:11:42  Mostra Profilo  Rispondi Quotando
se non traduci non leggi

[img]http://85.214.48.237/kettererkunst/kunst/picm/305/400403291.jpg[/img]


...già tradotto in prosa, il vero inizio dell'amore per Shakespeare in Germania fu la traduzione in versi (giambici) di A. W. Schlegel, che diceva: Shakespeare è un poeta, dunque pieno di "innumerevoli indescrivibili bellezze non racchiuse nelle parole", bellezze che in prosa svaporano del tutto: "vale la pena di tentare". - Negli stessi anni (fine 700) Schiller e Goethe giungono per le loro cose alla stessa conclusione. Schiller a Goethe scrive nel 1797 una lettera in cui tutto è a favore della "nuova giurisdizione" del ritmo; Goethe: "Tutte le opere drammatiche dovrebbero essere ritmiche e allora si vedrebbe chiaramente chi è capace e chi no".
Shakespeare ancora adesso in Germania è il "ritmo" di Schlegel.
Torna all'inizio della Pagina

fiornando
c.s. oltre


573 Messaggi

Inserito il - 22/05/2007 :  14:39:39  Mostra Profilo  Rispondi Quotando
pare strano: traduci un poeta in scorrevole, nitida e fedelissima prosa, e t'accorgi che non è servito a nulla; lo stravolgi anche più dell'apparentemente consentito, ma lo fai in versi, che se hanno un loro profumo, un loro intrinseco valore (dunque non generato da quello dell'originale) ed ecco il miracolo della transustanziazione poetica da una lingua all'altra (perché la lingua è la sostanza d'un popolo).
Torna all'inizio della Pagina

campi giovanni
c.s. oltre


861 Messaggi

Inserito il - 22/05/2007 :  15:14:10  Mostra Profilo  Rispondi Quotando

pane al pane e vino al vino?



[img]http://img523.imageshack.us/img523/3673/totobeveto4.jpg[/img]


Campi Giovanni
Torna all'inizio della Pagina

campi giovanni
c.s. oltre


861 Messaggi

Inserito il - 22/05/2007 :  16:04:58  Mostra Profilo  Rispondi Quotando

chiasma


[img]http://img57.imageshack.us/img57/9600/chr2ya6.jpg[/img]


[l'aragosta] "esposta in forma di croce sulla tela cerata"

(S.Beckett, Dante e l'aragosta)


pane al vino e vino al pane?


Campi Giovanni
Torna all'inizio della Pagina

f.c.
c.s. oltre


1642 Messaggi

Inserito il - 26/05/2007 :  13:07:45  Mostra Profilo  Rispondi Quotando
Guardoni di fuochisti

[img]http://www.swissworld.org/xobix_media/images/sis/2003/sisimg20031108_4429826_0.jpg[/img]


"E' piacevole vedere le grandi opere nel loro stato embrionale, gravide di possibilità latenti di perfezione; (...) seguirne passo passo la crescita e lo sviluppo e osservare come talvolta migliorino di colpo grazie a un suggerimento fortuito e talvolta progrediscano lentamente spinte da una costante riflessione."
(Samuel Johnson, Vita di Milton)
Torna all'inizio della Pagina

campi giovanni
c.s. oltre


861 Messaggi

Inserito il - 26/05/2007 :  13:39:51  Mostra Profilo  Rispondi Quotando
[img]http://img520.imageshack.us/img520/9220/c9805lvecchiamicipostervd9.jpg[/img]


Campi Giovanni
Torna all'inizio della Pagina

f.c.
c.s. oltre


1642 Messaggi

Inserito il - 03/06/2007 :  11:58:36  Mostra Profilo  Rispondi Quotando
autori ideali

[img]http://www.magnumphotos.com/CoreXDoc/MAG/Media/TR9/S/K/N/8/PAR230948.jpg[/img]


"In un'opera d'arte veramente bella il contenuto non dev'essere nulla, la forma tutto; perché solo con la forma si agisce sulla totalità dell'uomo, mentre col contenuto si agisce solo su forze singole. (...) Perciò il vero segreto artistico del maestro consiste nel distruggere la materia per mezzo della forma."
(F. Schiller, Lettere sull'educazione estetica dell'uomo, 1793-94)
Torna all'inizio della Pagina

boboross
c.s. infuocato


397 Messaggi

Inserito il - 04/06/2007 :  20:15:26  Mostra Profilo  Rispondi Quotando
Non serbo più la memoria della ragione che dette luogo a codesto forum, benché creda di essere,insieme a f.c. l'unico frequentatore dl forum dai tempi della leggendaria fondazione di questo sito( inverno 2003, uno dei tanti inverni of our discontent ) ma credo che il lettore ideale sia quello che non legge niente o non legge più niente.
Torna all'inizio della Pagina

f.c.
c.s. oltre


1642 Messaggi

Inserito il - 04/06/2007 :  21:22:51  Mostra Profilo  Rispondi Quotando
un po' più di due

[img]http://www.gonemovies.com/WWW/Drama/Drama/BigLag1_sm.jpg[/img]


In questo momento, ci sono 58 lettori che fanno il loro giretto nel forum. In questa giornata, fino ad ora, 2081 hanno navigato tra le pagine del compagno segreto, più della metà delle quali sono passate a dare un'occhiata al forum. Ma, come notato più volte, quelli del c.s. sono quasi tutti lettori puri: leggono e non scrivono. Siamo in pochi a peccare.
Torna all'inizio della Pagina

fiornando
c.s. oltre


573 Messaggi

Inserito il - 05/06/2007 :  07:23:41  Mostra Profilo  Rispondi Quotando
perfetto, boboross: l'illuminato non legge, né tantomeno pecca: buddha, socrate, cristo, quando mai lessero? da bambini, forse; quando mai scrissero? non ne avevano bisogno, o più bisogno. quanto al 'lettori puri', diciamo pure che - lèggere o scrivere - il peccato è lo stesso: qui si ruba e là si para il sacco, qui si violenta e là si sta a guardare.

fossimo tutti illuminati, però, sfido chiunque a trovare un caffé aperto.
Torna all'inizio della Pagina

f.c.
c.s. oltre


1642 Messaggi

Inserito il - 27/06/2007 :  17:51:45  Mostra Profilo  Rispondi Quotando
lettori imprigionati

[img]http://www.raidue.rai.it/Static/immagine/212/pugnodilibri1911_meneghello.jpg[/img]


"Luigi Meneghello è morto come temeva, come non voleva: da solo, senza aiuto. E' morto nella sua casa di notte, è stato trovato la mattina dopo. Da quando era morta la moglie, non reggeva la solitudine, e si lasciava andare. Fin'allora era stato essenzialmente un dialettico, amava parlare. Far conferenze. Avere amici. Dialogare. Sedurre con le parole. Lo si sente anche nei suoi libri: parola per parola, frase per frase sono organizzati in modo da bloccare la mente del lettore, entrarci dentro e restarci a lungo, possibilmente (ogni scrittore cova questo sogno folle) per sempre."
(F. Camon, Antropologo di un’Italia che non c’è più, "La Stampa" di oggi)
Torna all'inizio della Pagina
Pagina: di 28  Discussione Discussione Successiva  
Pagina Precedente | Pagina Successiva
 Nuova Discussione  Rispondi
Vai a:
© Torna all'inizio della Pagina
Generated in 0.08 sec. Tradotto Da: Vincenzo Daniele & Luciano Boccellino- www.targatona.it Distribuito Da: Massimo Farieri - www.superdeejay.net Powered By: Snitz Forums 2000 Version 3.4.03