Home | Profilo | Discussioni Attive | Utenti | Download | Cerca nel web | Cerca | FAQ
Nome Utente:
Password:
Salva Password
Password Dimenticata?

 Tutti i Forum
 Altre Muse
 PSYCO-ANALYSIS
 riassunto (dal forum su "cinema")
 Nuova Discussione  Rispondi
Pagina Precedente | Pagina Successiva
Autore  Discussione Discussione Successiva
Pagina: di 21

orfano sannita
c.s. infuocato


308 Messaggi

Inserito il - 01/08/2004 :  17:05:19  Mostra Profilo  Rispondi Quotando
Cervelli livorosi


[img]http://www.meridiangraphics.net/images/brainstorm.gif[/img]


Impossibile, per un minimo di geografia della psiche, fare a meno dei mistici. Per esempio:

"Sulla sommità il cervello ha qualcosa di nero, perché il respiro umido dell'uomo manda in alto l'umidità ed essa, quando raggiunge il confine oltre cui non può andare, produce questa materia nera; essa resiste al calore perché il cervello non vada in fiamme, come il fuoco nero trattiene quello luminoso perché non travalichi il suo confine. Inoltre questa materia nera trasmette al resto del corpo il flegma e il livore del cervello, come il fuoco nero produce spesso sulla terra tempeste, tuoni e grandine.

In questo modo l'anima, quando indirizza la sua scienza verso l'alto con orgoglioso slancio, a causa di ciò la tinge come di nero nella parte superiore, perché gli aneliti dell'uomo quando diventano orgoglio sono privi di purezza della vera luce."
(Ildegarda di Bingen, Il libro delle opere divine)
Torna all'inizio della Pagina

orfano sannita
c.s. infuocato


308 Messaggi

Inserito il - 24/08/2004 :  11:43:23  Mostra Profilo  Rispondi Quotando
Disinserire tenie isterie


[img]http://www.munch.museum.no/ekko/en/img/350/baselitz_munchs_aand.jpg[/img]


...leggo nel Forum sui numeri del c.s. succosi pensieri sull'infinito isterico; e allo stesso tempo leggo nell'ultima Adelphiana:

"Io sono qualcosa di frollo, disperso, incoerente. Senza il sentimento di una qualche continuità. Qualcosa di simile a una tenia: innumerevoli segmenti, e ciascuno vive per conto suo. Manca un'unità cui tutto possa fare riferimento, perché noi stessi non abbiamo più nulla cui fare riferimento. Le nostre relazioni con il cosmo sono dissolte; ciascuno se ne sta isolato, e tuttavia non ha nessuna grandezza: nulla comincia in lui, nulla in lui finisce; qualcosa lo attraversa soltanto; qualcosa di assolutamente neutro: la coscienza."
(G. BENN, Sotto la corteccia cerebrale).

Torna all'inizio della Pagina

orfano sannita
c.s. infuocato


308 Messaggi

Inserito il - 03/10/2004 :  18:03:27  Mostra Profilo  Rispondi Quotando
Psico-medici e pandemie


[img]http://membres.lycos.fr/vseveno/img13.jpg[/img]


...rivisto "Arancia meccanica", e, pensando al prossimo numero del c.s. sugli scrittori medici, avuto un occhio più attento al "Trattamento Ludovico" che dovrebbe fare dell'atroce Alex un essere da ogni violenza avulso... - i medici conoscono anche qui appena procedure, sequenze il più possibile obbligate, il più rigorosamente anonime: se rispetti la sequenza, e il paziente muore, il medico è a posto, e l'insuccesso un numero per la statistica. La dialisi mentale a cui viene sottoposto il giovinastro come una qualunque altra dialisi: disintossicazione coatta d'un solo organo alla volta, indifferenti al fatto che è tutto il mondo (i genitori, gli arredamenti, le strade, i bar, i medici stessi...) ad essere patogeno.
Torna all'inizio della Pagina

orfano sannita
c.s. infuocato


308 Messaggi

Inserito il - 03/10/2004 :  18:16:40  Mostra Profilo  Rispondi Quotando
Lanterna Rossa


3 ottobre 2004

di Guido Ceronetti

[img]http://home.cogeco.ca/~teresag/Backgrounds/children/TickiesBGC008.jpg[/img]


DICONO essere in forte aumento gli omicidi in famiglia. Questo non impedisce l’insistenza pubblica nell’elogiare a perdifiato l’istituzione benemerita che li produce. Se si danno incentivi alle famiglie perché addirittura (pur essendo questo un paese che scoppia di popolazione in eccesso, con sbarchi incessanti di gente non certo bisognosa di incentivi uterini) siano più numericamente evidenti e gravanti su ogni specie di trafelato servizio, l’incentivo, lo sprone, l’incoraggiamento è dato - aritmetica infallibile - anche, e simultaneamente, agli omicidi famigliari: ditemi il contrario.

[img]http://home.cogeco.ca/~teresag/Backgrounds/children/TickiesBGC029.jpg[/img]


Il divorzio non è un salvavita. L’omicida è all’agguato attorno alla casa dove la divorziata o la divorziante respira finalmente di sollievo. Per molte donne chiedere il divorzio può significare condannarsi a morte, se l’uomo non accetta o non si rassegna. E quasi sempre l’omicida famigliare ha il raptus, passa con facilità alla strage. E allora ecco i bambini cui è stato talmente raccomandato di venire a sedersi al Banchetto della Vita (l’espressione è del papa Montini) da mettergli la smania d’incarnarsi, eccoli, i piccoli colpevoli di aver ceduto alla leccornia dell’Incentivo Profamiglia, in un lago di sangue, per opera del loro papà incentivato.

[img]http://home.cogeco.ca/~teresag/Backgrounds/children/TickiesBGC009.jpg[/img]


Conservo nei miei archivi l’immagine pubblicata sull’Illustrazione Italiana, quando usciva da Guanda circa il 1980, di un interno milanese dove sparpagliati si vedono tre cadaverini su cui è passata la carezza nefanda del loro genitore scontento. E pare la messinscena di una tragedia greca in trasposizione moderna, come usano certi registi. Ma non si tratta di pupazzi spruzzati di rosso. E per loro nessun vate tragico, non sono di Argo o di Tebe, per loro soltanto un numero in più nell’oceano di ghiaccio delle statistiche.

[img]http://home.cogeco.ca/~teresag/Backgrounds/children/TickiesBGC010.jpg[/img]


La terribilità di una guerra civile è che è guerra tra vicini, tra botteghe sulla stessa via, tra abitanti dello stesso quartiere. Della guerra tra casa e casa parla anche Miguel Hernández in una poesia del 1938: li aveva visti e assaggiati gli artigli insanguinati in cui la guerra civile trasforma le mani che, placate, accarezzano e fanno musica. E l’omicidio famigliare è guerra civile tra quattro mura, tra pochi metri quadri riempiti di oggetti comprati insieme, con la cena rimasta sulla tavola a raffreddarsi.

[img]http://home.cogeco.ca/~teresag/Backgrounds/children/TickiesBGC011.jpg[/img]


Irrompe come in sogno, e di colpo è Argo, Tebe, l’incendio di Troia, lo stupido Teseo, l’ottuso Creonte, l’Agave cieca, e il portone dice Numero 55 o 237, la targa della via reca il nome eternamente pio di Mazzini o di Garibaldi. E talvolta è un fragile diaframma tra il sacrificio cruento rituale di consanguinei (Abramo, Agamennone, Iefte) e questi sacrifici domestici che atterriscono e sconcertano i più sperimentati - eppure in penuria di comprensione dell’irrazionale che ci abita e conduce, ossessivamente - giudici e psichiatri.

[img]http://home.cogeco.ca/~teresag/Backgrounds/children/TickiesBGC012.jpg[/img]


Un crimine domestico da manuale del tragico resta quello della villetta di Novi Ligure: enigma avvolto in un segreto. Tutto quel che si può con certezza dirne è che l’essere che è tirato fuori da una pancia, di realmente famigliare a chi lo mette al mondo, non ha che qualche tratto esteriore, ma è fin dal taglio del cordone uno sconosciuto. Nessuno può conoscere a fondo il proprio figlio. Si è quasi sempre stremati dallo sforzo di capirne qualcosa. In ogni lettino è nascosto un coltello, che l’età adulta getterà via. Ma non sempre...


[img]http://home.cogeco.ca/~teresag/Backgrounds/children/TickiesBGC025.jpg[/img]
Torna all'inizio della Pagina

f.c.
c.s. oltre


1642 Messaggi

Inserito il - 21/11/2004 :  22:20:43  Mostra Profilo  Rispondi Quotando
Gli 80 anni di Giuliani, gli 800 di Dante e Cavalcanti


[img]http://www.raisatzoom.it/archivio/2000/2400/2420/2424/giulianiv.jpg[/img]


nella bella intervista che Antonio Gnoli fa oggi su "Repubblica" a Alfredo Giuliani, si legge a un certo punto di Dante:

"Dante è sicuramente un genio, ma un genio paranoico. Ha preteso di giudicare, condannare, sistemare e infine saldare i conti con tutto l'universo mondo. E questo è già un'impresa da paranoico. Nessuno ha il coraggio di dirlo"
(...)
"...la sua lingua geniale che cosa trasmetteva? Misticismo e filosofia cattolica. Io mi levo il cappello davanti alla sua lingua. Ma come poeta lirico scelgo Cavalcanti."

Ma: sicuro che solo a Dante mancasse qualche rotella?

[img]http://www.gransito.com/Cronologia/Imgs/Img%20Letteratura/cavalcanti_dante.jpg[/img][img]http://www.mozaik.info.hu/mozaweb/Stilus/Kep/sy_expr6.jpg[/img][img]http://gateway.library.uiuc.edu/rbx/Florentine%20Printing/DANTE.JPG[/img]


In ogni caso, leggendo, dato l'amore meo incondizionatissimo per il Guido, la prima sensazione mea fu di sollievo, del tipo che bello non esser soli al cosmo a creder Dante e Cavalcanti sullo stesso piano! ...veramente c'era già Dante a saperlo, almeno fino al X dell'Inferno... ma poi per un soprassalto pensoso mi chiesi: cosa vorrà dire "come poeta lirico"? e "misticismo"? mi scoprii così ignorante più che se avessi solo da bruciacchiare in una delle tombe epicuree del canto decimo...
Torna all'inizio della Pagina

tamer
c.s. alato


101 Messaggi

Inserito il - 09/12/2004 :  11:52:01  Mostra Profilo  Rispondi Quotando
"l'interpretazione dei bisogni"


Un mendicante sognò un milionario. Risvegliatosi incontrò uno psicoanalista. Questi gli dichiarò che il milionario era il simbolo di suo padre. "Strano", rispose il mendicante.

Crepuscolo, appunti presi in Germania 1926-1931, di Max Horkheimer, Einaudi, 1977
Torna all'inizio della Pagina

f.c.
c.s. oltre


1642 Messaggi

Inserito il - 14/01/2005 :  10:32:26  Mostra Profilo  Rispondi Quotando
Excusationes non petitae


[img]http://www.cinefile.biz/risi6.jpg[/img]


Avete notato che in italiano "Ho chiesto scusa" e, ancora più forte, "ho/abbiamo GIA' chiesto scusa" non indica, come suggerirebbe il verbo, una richiesta a qualcuno più o meno volontariamente offeso o molestato, il quale dunque potrebbe accettarle come no, ma l'autoassoluzione da tutte le magagne e gli errori che si possa aver commesso?
Torna all'inizio della Pagina

f.c.
c.s. oltre


1642 Messaggi

Inserito il - 14/01/2005 :  12:13:20  Mostra Profilo  Rispondi Quotando
Scuse riflessive


[img]http://newsimg.bbc.co.uk/media/images/40716000/jpg/_40716791_sun203ok.jpg[/img]


...ma forse non è una cosa solo nazionale. Appena letto su "Repubblica" che, in seguito alle foto in cui il principino harry figlio di Carlo e nipote di Elisabetta II è vestito da nazi, il primo ministro Tony Blair ha dichiarato che "il principe ha commesso uno sbaglio e si è scusato."
Che, in italiano, dovrebbe ancora voler dire sia che ha scusato sé che si è scusato 'da' sé. Espressione guarda caso usatissima. - Ma forse è un - sintomatico? - problema di traduzione: "Prince Harry has apologised for any offence or embarrassment he has caused. He realises it was a poor choice of costume."
Torna all'inizio della Pagina

fiornando
c.s. oltre


573 Messaggi

Inserito il - 15/01/2005 :  13:42:59  Mostra Profilo  Rispondi Quotando
certo che carletto ha fatto bene a spedire i suoi rampolli a meditare a auschwitz, o dove altro. magari a stendersi qualche ora in una baracca, o in un forno.
Ma chi avrebbe alzato un dito, fra noi milioni di cristiani, si fosse vestito da Nerone?
Non c'è passione che resista agli anni.
Torna all'inizio della Pagina

orfano sannita
c.s. infuocato


308 Messaggi

Inserito il - 29/01/2005 :  15:36:51  Mostra Profilo  Rispondi Quotando
Qualche margine
ai Quattro medici del "compagno segreto"


"Che questa fosse la vita, era una supposizione che Rönne, un medico, era autorizzato a fare in base delle sue giornate ben regolate dall'alto, dei suoi compiti approvati, anzi prescritti dallo Stato." (G. BENN; Cervelli)

[img]http://silentgents.com/Keaton/Keaton75.jpg[/img]


...ma il riduzionismo vero, quello che non ha paura di se stesso, mica parte lancia in resta contro i mulini a vento del Molteplice perché crede DAVVERO di potersi fermare e sbattere su un fondamento qualunque! qualcosa di stabile e solido a cui tutto possa ricondursi!...

...la vocazione vera del riduzionista è la chiamata a una strada, non meno che irrinunciabile, verso il nulla.

...è il nulla (Parmenide, pardon!...) lo sfondato fondamento...

...ché, siccome non c’è l’anima nel cervello, non c’è neanche NIENTE di fondante e di essenziale.

(essenziale: per l'uomo, quest'egoista, vuol dire: di immortale per lui)

...come per Cechov, la realtà è allora implausibile, burlesca, arbitraria, provvisoria... prenderla così com'è sarà il massimo?

...Boh, intanto il suo - suo di Madama Realtà - biblico dire in loop “sono ciò che sono!” è la frasetta scema d’una signorina autistica: ...nessuno meglio di un Dottore può saperlo?

[img]http://silentgents.com/Keaton/Keaton111.jpg[/img]


"Ciò che evoca ebbrezza, ciò che si affatica, ciò che si muove a stento: non è forse questa la realtà? Dove finisce l’impressione e dove comincia l’Inconoscibile, l’Essere? Come vediamo, la domanda circa la sostanza antropologica ci sta immediatamente dinanzi, e coincide esattamente con la domanda circa la realtà. L’immenso problema della realtà..." (G. BENN, Doppia vita)


[img]http://silentgents.com/Keaton/Keaton110.jpg[/img]
Torna all'inizio della Pagina

orfano sannita
c.s. infuocato


308 Messaggi

Inserito il - 30/01/2005 :  17:35:16  Mostra Profilo  Rispondi Quotando
Parafrasi per Padre Sergij
(ovvero: l'enigma - empio o pio? - del pIo-pIo)


[img]http://sv.wikipedia.org/upload/e/e8/Lev_Tolstoj.jpg[/img]

Al Signor Conte Lev Nikolaevic.
(Perché, se non chiederlo a Lui, a chi mai?)

Egregio Signor pio,
tòlta la stolta crosticina dell'Io,
per non dir della blanda pellagra del Mio,
stremati da ogni truce e trito tramestìo,
sarà luce o sarà oblìo
annegarsi nel suo Dio?
Torna all'inizio della Pagina

tamer
c.s. alato


101 Messaggi

Inserito il - 01/03/2005 :  17:59:49  Mostra Profilo  Rispondi Quotando
Ananda e Propaganda


[img]http://www.rfoxphoto.com/media/thailand_full/buddha%20head%20enveloped%20by%20tree%20%233.jpg[/img]


Ma perché, a eccezione del Cristianesimo, tutte le dottrine che mirano alla salvazione dell'uomo, anche le più crudelmente trasmigratorie e karmiche, si sognerebbero mai di rappresentare scene di prostrazione, dolore, umiliazione, anche e soprattutto quando il Maestro-Messia-Dio è un uomo (o umanizzato), e magari è stato vittima di atroci martiri (i 10 capostipiti del sikhismo, uniche immagini ammesse negli odorosi gurudwara iconoclasti), viceversa privilegiano sempre la paciosità dei sorrisi enigmatici, il soave bailamme dei fiori di loto e delle relative posizioni, e certo inequivocabile, meritatissimo, relax perenne, che volendo è esattamente il contrario del salire sulla croce? Che il Cristianesimo si sia servito di uno spin doctor lievemente obsedé?
Torna all'inizio della Pagina

orfano sannita
c.s. infuocato


308 Messaggi

Inserito il - 17/03/2005 :  15:52:30  Mostra Profilo  Rispondi Quotando
Il senso della storia

[img]http://www.fotorevista.com.ar/Maestros/Capa/capa1.jpg[/img]

La storia è l'ironia in atto
(Cioran)
Torna all'inizio della Pagina

orfano sannita
c.s. infuocato


308 Messaggi

Inserito il - 18/03/2005 :  08:53:01  Mostra Profilo  Rispondi Quotando
Ipotesi

[img]http://www.radio.rai.it/radio3/terzo_anello/alta_voce/archivio_2003/eventi/2003_06_03_lord_jim/conradjim.jpg[/img]

Se tanta gente non va in pezzi, è giusto per mancanza di fantasia.
Torna all'inizio della Pagina

orfano sannita
c.s. infuocato


308 Messaggi

Inserito il - 28/03/2005 :  13:21:11  Mostra Profilo  Rispondi Quotando
Certezze quantistiche

[img]http://www.bauhaus.de/bauhaus1919/biographien/biographien_bilder/klee_paul.jpg[/img]

Io sono inafferrabile nell'immanenza
(Sulla lapide di Paul Klee)

Torna all'inizio della Pagina
Pagina: di 21  Discussione Discussione Successiva  
Pagina Precedente | Pagina Successiva
 Nuova Discussione  Rispondi
Vai a:
© Torna all'inizio della Pagina
Generated in 0.12 sec. Tradotto Da: Vincenzo Daniele & Luciano Boccellino- www.targatona.it Distribuito Da: Massimo Farieri - www.superdeejay.net Powered By: Snitz Forums 2000 Version 3.4.03