Home | Profilo | Discussioni Attive | Utenti | Download | Cerca nel web | Cerca | FAQ
Nome Utente:
Password:
Salva Password
Password Dimenticata?

 Tutti i Forum
 letture, scritture
 Le ripitture dello humour
 Lo humour come terapia?
 Nuova Discussione  Rispondi
Pagina Successiva
Autore  Discussione 
Pagina: di 4

Mapi
nuovo c.s.


11 Messaggi

Inserito il - 25/08/2004 :  08:32:34  Mostra Profilo  Rispondi Quotando
L'io rifiuta di lasciarsi affliggere dalle ragioni della realtà. Insiste nel pretendere che i traumi per lui non sono altro che occasioni per ottenere piacere. L' umorismo non è rassegnato, è dispettoso...( S. Freud)

Humour, parola "intraducibile" per Paul Valery. Louis Aragon nel suo "trattato sullo stile"( 1928), aveva solo provato a definire cosa "non lo è".
SPIRITELLO che sfugge ad ogni classificazione, lo humour, come l' arte o la poesia? Condizione di tristezza nell' allegria. Scherzo che conserva un ' aria seria...pensare a Chaplin...O a "Le chien andalou " o "L' age d' or" di Bunuel. I surrealisti ne fecero una questione persino "metafisica".

Nei "Canti di Maldoror", per Soupault, lo humour è "tragico e splendido". Baudelaire distingue tra "comico e grottesco" ...quest'ultimo, "riso profondo e primitivo". Una gioia assoluta, innocente.Breton lo carica di nero. Estrema insubordinazione tra l' IO e la REALTA'. NERO.
Risolvere, sciogliere il dolore nel riso come straziante contraddizione. Come "l' amour fou", elettivo ed esclusivo, lo humour
si fa "l'altra politica" per cambiare il mondo...

Così Lichtembeg:
"Ci sono moltissimi uomini più infelici di te: questo non ti dà un tetto sotto il quale abitare, d' accordo.Ma la frase è sufficiente perchè vi si possa trovare riparo durante un temporale".( da Aforismi, Einaudi 1966).

Lo humour , insomma, non cambia il paesaggio. Lo ridipinge.

f.c.
c.s. oltre


1642 Messaggi

Inserito il - 25/08/2004 :  16:37:25  Mostra Profilo  Rispondi Quotando
Humour fou


[img]http://www.filmforum.com/films/lubitsch/ninotchka.jpg[/img]


L'umoralità dello humour lo preserverà di certo da ogni spiegazione.

Una perfetta "lectio" sullo humour sarà quella in cui si piange dal ridere dall'inizio alla fine: con lo humour, come con l'eros, ennesimo caso di evidenza della superiortà della phronesis (l'arte del saper fare in pratica) rispetto alla theoria (arte del saper dire in astratto), distinzione e gerarchia, del resto, che ai greci fu chiarissima a lungo.

[img]http://image.guardian.co.uk/sys-images/Film/Pix/gallery/2001/06/28/billywilder.jpg[/img]


Impossibilità quindi sullo humour di un discorso-meta: ci fosse qui Groucho Marx, non gli chiederemmo di parlarci "sul" ridere, ma di farci ridere... "sul" ridere ci parlano quelli che non sanno far ridere.

Evidente superiorità del "comico" su qualunque altra cosa: se non fa ridere ha torto "Lui"... leggi cosa scrivono di sé geni come Keaton, Wilder, Stan Laurel, ecc., e vedi persone per cui è del tutto ovvio che "il cliente ha sempre ragione", che, se non ride, c'è poco da mettersi a fare la predica pedagogica sul povero messaggio non colto...

[img]http://www.andreasneubauer.com/international/images/billy-wilder.jpg[/img]


Spero che in questo forum siamo autorizzati a raccontarci barzellette, anche spinte: purché facciano ridere.
Torna all'inizio della Pagina

f.c.
c.s. oltre


1642 Messaggi

Inserito il - 28/08/2004 :  10:17:56  Mostra Profilo  Rispondi Quotando
[img]http://www.digischool.nl/du/literatuur/auteurs/goethe/afbeeldingen/werther.jpg[/img]


I dolori del giovane Werther


Il giovane Werther amava Carlotta
e già della cosa fu grande sussurro.
Sapete in che modo si prese la cotta?
La vide una volta spartir pane e burro.

Ma aveva marito Carlotta, ed in fondo
un uomo era Werther dabbene e corretto;
e mai non avrebbe (per quanto c'è al mondo),
voluto a Carlotta mancar di rispetto.

Così, maledisse la porca sua stella;
strillò che bersaglio di guai era, e centro;
e un giorno si fece saltar le cervella,
con tutte le storie che c'erano dentro.

Lo vide Carlotta che caldo era ancora,
si terse una stilla dal bell'occhio azzurro;
e poi, vòlta a casa (da brava signora),
riprese a spalmare sul pane il suo burro.

(E. RAGAZZONI, da "Buchi nella sabbia e pagine invisibili")
Torna all'inizio della Pagina

Mapi
nuovo c.s.


11 Messaggi

Inserito il - 28/08/2004 :  12:53:08  Mostra Profilo  Rispondi Quotando
Un sospiro , una notte pattinando
sul fossato gelato di città,
specchiarvisi vedea, d' amor sognando,
nival chiaror di case di città.

Il sospiro, pensando alla sua dama,
ristette a un tratto e tutto s' infiammò:
onde, scioltasi sotto lui, la lama
di ghiaccio in un crepaccio lo ingoiò.

da CANTI GROTTESCHI di CHRISTIAN MORGENSTERN
Torna all'inizio della Pagina

tamer
c.s. alato


101 Messaggi

Inserito il - 01/09/2004 :  16:32:46  Mostra Profilo  Rispondi Quotando
Ecco, ci metterei proprio questa predica inutile di Delaw accanto al rettangolino testè rubato per voi - cari compagni segreti, perdipiù farmacofili - nientemeno che ad Achille Campanile.


...è di pubblica opinione che la scrittura dei medici
possa esser letta soltanto dai farmacisti.

Delaw

[img]http://i23.ebayimg.com/01/i/02/99/71/01_2.JPG[/img]


Una caratteristica dei medici è la calligrafia illeggibile con cui vergano le ricette, battuti in questo soltanto dai camerieri di ristorante che vergano il conto. Secondo i Maligni, questa illeggibilità duplice troverebbe la spiegazione nel desiderio da parte di entrambi di sfuggire a eventuali responsabilità penali in caso di avvelenamento; oltre che, quanto ai secondi, nel fatto che l'oscurità della Azione facilita i furti. Per quel che riguarda i medici, le barzellette non hanno risparmiato la loro calligrafia, che soltanto i farmacisti riescono a decifrare. Un tale scrive a un medico invitandolo a cena e riceve in risposta un biglietto illeggibile. Per sapere se il medico accetta o non accetta l'invito, porta il biglietto al farmacista abituato alla di lui scrittura: "Mi sa dire cosa c'è scritto?" Il farmacista scorre il biglietto, indi, senza esitazione, va all'armadio, piglia alcune medicine, e le consegna al cliente dicendo: "Sono quindici lire e cinquanta."

(Achille Campanile, Trattato delle barzellette, 1961)
Torna all'inizio della Pagina

f.c.
c.s. oltre


1642 Messaggi

Inserito il - 09/09/2004 :  18:44:29  Mostra Profilo  Rispondi Quotando
Coincidenze


[img]http://www.mystudios.com/art/northern/bruegel/bruegel-big-fish.jpg[/img]


"Un giorno un uomo perse un anello in mare. E un anno dopo, nello stesso punto, pescò un grosso pesce, ma dentro non trovò nessun anello. Ecco quello che mi piace delle coincidenze." (V. NABOKOV).
Torna all'inizio della Pagina

orfano sannita
c.s. infuocato


308 Messaggi

Inserito il - 08/11/2004 :  18:03:00  Mostra Profilo  Rispondi Quotando

[img]http://members.aol.com/yankpedal/images_history/draisine.gif[/img]

Progresso
di Izet Sarajlic

Dante andava a piedi,
Tolstoj a cavallo,
Balzac si muoveva in calesse,
Thomas Mann in bicicletta,
Hemingway in jeep,
Babel in barroccio,
Françoise Sagan viaggia in Rolls Royce.

Per questo Dante
ha scritto la "Divina Commedia",
Tolstoj "Guerra e pace",
Balzac "Papà Goriot",
Thomas Mann "I Buddenbrok",
Hemingway "L'addio alle armi",
Babel "L'armata a cavallo"

E Françoise scrive
best-sellers.

1979

[img]http://members.aol.com/yankpedal/images_history/PHBonShk.gif[/img]
Torna all'inizio della Pagina

nelson dyar
c.s. infuocato


470 Messaggi

Inserito il - 16/11/2004 :  21:17:52  Mostra Profilo  Rispondi Quotando
"Partir c'est mourir un peu
et mourir c'est partir un peu trop."

V. Nabokov (sempre lui)
Torna all'inizio della Pagina

f.c.
c.s. oltre


1642 Messaggi

Inserito il - 10/12/2004 :  20:07:55  Mostra Profilo  Rispondi Quotando
La slarga-coeur


[img]http://www.storiadimilano.it/Repertori/borri_stampa.jpg[/img]


Visto le due articolesse di Citati sulle donne del Manzoni ("Repubblica" di ieri e oggi)? - Moooooolto più interessanti dei casti amorini da sposi promessi! - Situazioni addirittura pre-pascoliane (vedi il bellissimo libro GARBOLI-PASCOLI con le 30 poesie familiari)!

E quel genio della seconda moglie, Teresa Borri vedova Stampa? Il Padre della Patria limava l'Italiano Assoluto e intanto gli spadroneggiava una Folenga in casa!...

Da una lettera al figlio:

"Tra quattro giorni la Colonna infame sarà finita!!! Ah!!!! che slarga coeur! che refiadament! che legria!! otto o quindici giorni di compaginazione, e correzione di stampa, e tutto sarà finito! oh, che gust! che guston! che gustononon!...!"


...quando il futuro ti cova in casa!


[img]http://digilander.libero.it/letteratura/Novecento/Gadda/gadda.jpg[/img]
Torna all'inizio della Pagina

topsy
c.s. alato


99 Messaggi

Inserito il - 16/12/2004 :  19:22:42  Mostra Profilo  Rispondi Quotando

[img]http://www.artemania.it/Immagini/gallerie/preview/GA000052/bowtie.jpg[/img]


Se una cimice emaciata
entra al cinema, a Micene,
Mi abbottono la camicia
e mi eclisso, senza scene

(Toti Scialoja)


[img]http://www.ariadne.at/BILDER/Gnoli/images/kl_DvX60185.jpg[/img]
Torna all'inizio della Pagina

topsy
c.s. alato


99 Messaggi

Inserito il - 01/03/2005 :  18:17:07  Mostra Profilo  Rispondi Quotando
Gattegoria


[img]http://expositions.bnf.fr/contes/images/2/018_1.jpg[/img]


Gatti. Soggetti alla moda, si intende. I Siamesi, ad esempio, datano terribilmente: furono perfetti tra il 1920 ed il 1940, ma ora bisogna parlarne al passato, accusandoli di "nevrastenia" o, almeno, di egoismo. Durante la guerra ognuno ebbe un personale aneddoto felino: "Il mio Angora, avvezzo a mangiare solo salmone fresco, si è lasciato deliberatamente morire di fame quando non ho trovato altro salmone fresco". O: "il mio Isola-di-Man è il sostegno della famiglia, ruba bistecche al macellaio e ce le porta". Tutti comunque si orientarono verso onesti Soriani, facili a mantenersi con topi richiamati dalla provviste, scatenati dai bombardamenti. Attualmente si dà la preferenza ai Persiani: gli alberi genealogici, i capricci, la personalità di animali del resto adorabili figurano spesso nei discorsi degli intellettuali; servono di pretesto a riviste specializzate; a balletti di Roland Petit; a esposizioni di quadri.

(Irene Brin)
Torna all'inizio della Pagina

topsy
c.s. alato


99 Messaggi

Inserito il - 04/03/2005 :  10:23:25  Mostra Profilo  Rispondi Quotando
genuflessione, genuflessione!


[img]http://www.fucine.com/archivio/fm36/images/pol-06.jpg[/img] [img]http://www.marcodelogu.com/Immagini/cardinali/galleria/Grocholewski.jpg[/img]


Peter Stanley, che officia messe da 82 anni in una chiesa cattolica del Gloucester, UK, rende noto d'essere assai felice per aver ricevuto, en guise de récompense, una benedizione apostolica direttamente dalle mani di Sua Santità, Giovanni Paolo II. A 90 anni -il debutto risale all'età di 7 anni- Stanley è ancora capace di genuflettersi: "è un modo per mantenermi in forma", assicura lui.

Rubo la notizia al Monde des Religions di Marzo-April 2005. La chiusa mi pare al livello del miglior Woodehouse: understatement purissimo. Spiritoso anche l'intero tono della faccenda - ma credo sia davvero un caso. Probabile che Il Monde abbia semplicemente tradotto il trafiletto da chissà quale gazzetta parrocchiale inglese: troppo distante dal classico genere "umorismo in sacrestia". E poi si parla di debutto, ricompensa, praticamente tutto un "su le gonne, cabaret à la garçonne! ". Altro che cipigli concistoriali genuinamente trasudati dalle splendide foto di Marco Delogu...
Torna all'inizio della Pagina

topsy
c.s. alato


99 Messaggi

Inserito il - 19/03/2005 :  08:52:39  Mostra Profilo  Rispondi Quotando
Ecologia

[img]http://www.stopogm.net/fotos/ddt.jpg[/img]


Non sottovalutarmi, zanzara,
se limacciosamente nell'impiglio
d'ironica ubiquità
che trama il tuo ronzio m'hai veduto
annaspare e m'hai sentito dietro
il tuo volo
di marionetta
bruciare applausi tardivi.
Al mio sangue dolce di mutuato
giurassiche cellule ancora
fanno capo
e al mio braccio glabro conferiscono
invincibilità
le drogherie orgogliose
della specie sapiente:
quando cadrai
irreperibile salma
nel raggio vaporoso
di morte io
avrò lo stesso sorrisodi colui
che, intorno felci,
impugnava il coltello di pietra.


Nota
Il componimento è anteriore al D.L. 14-3-1970, che vieta il DDT anche in bombole spary per uso domestico.

Carlo Fruttero, L'idraulico non verrà
(già Mario Spagnol, 1971, ora il melangolo, nugae 46)

Torna all'inizio della Pagina

topsy
c.s. alato


99 Messaggi

Inserito il - 19/03/2005 :  09:06:05  Mostra Profilo  Rispondi Quotando
...con rispetto parlando, non credete sussita una qualche vaga somiglianza tra Fruttero e la vecchina abbietta che assiste Giuditta nell'ora della mattanza caravaggia?

[img]http://www.festivaletteratura.it/images/autori/722.jpg[/img] [img]http://www.ticketeria.it/ticketeria/images/foto%20barberini/giuditta3.jpg[/img] [img]http://www.accademiacarrara.bergamo.it/iniziat/Caravaggio/imgOpere/vecchia_m.jpg[/img]
Torna all'inizio della Pagina

topsy
c.s. alato


99 Messaggi

Inserito il - 19/03/2005 :  10:27:57  Mostra Profilo  Rispondi Quotando
Fou rire con Fourier


[img]http://cache.corbis.com/CorbisImage/thumb/12/49/33/12493346/JS10166.jpg[/img] [img]http://cache.corbis.com/CorbisImage/thumb/14/35/13/14351397/JS1566309.jpg[/img]


...sfogliando L'elenco analitico dei cornuti - lo si legge integralmente qui: http://www.psy-desir.com/humour/article.php?id_article=828 - capita anche di scoppiare in sghignazzamenti impietosi per certe trovate - eufemismi sublimi - del vecchio filosofo farfallone e falansterista

N. 23. CORNUTO CONVERTITO O RAVVEDUTO è quello che dapprima ha strepitato, e solo con gran dolore si è abituato all'acconciatura, ma poi è tornato alla ragione, e ora finisce per scherzarci su e consolarsi insieme agli altri.

...dunque divertimenti a iosa; e non solo per gli sketches pittorici che ti si materializzano davanti, enumerando via via tutti gli scurnacchiamenti possibili. Più che altro per quelle inesauribili e serissime maglie di categorie, classi e sotto classi immaginate col fine d'organizzare in roccaforte filosofica il "Sistema Corna". E' lì, direi, che certo spirito illuministico raggiunge i vertici di involontaria spiritosaggine. Peccato solo che l'opera tutta, monumentale, di Fourier sia da sempre ascritta al criptofilosofame pensoso e post-roussoviano, e non al bouvardage cavilloso e geniale d'un Pécuchet socialista, che volendo sarebbe la morte sua...
Torna all'inizio della Pagina

topsy
c.s. alato


99 Messaggi

Inserito il - 08/04/2005 :  14:00:32  Mostra Profilo  Rispondi Quotando
In difesa dei Lapi e dei Lupi

...sono giovani industriosi; si industriano infatti nei generi
di più varia applicazione dello scibile chic...

[img]http://www.giovaniartisti.it/articoli/burning_man.jpg[/img] [img]http://www.giovaniartisti.it/articoli/BoyonSwing.jpg[/img]
(due olii di John Kirby)

Ei fu megalomane
senza imbarazzo
soprattutto nelle piccolezze.

Essi fin da giovanissimi
solevano ordinare il solito.

(due epigrammi-rap di Alberto Arbasino, dalla lettura pubblica al Teatro Franco Parenti dell'undici novembre duemilauno. Ora on line qui:
http://www.feltrinelli.it/IntervistaInterna?id_int=61 )
Torna all'inizio della Pagina
Pagina: di 4  Discussione   
Pagina Successiva
 Nuova Discussione  Rispondi
Vai a:
© Torna all'inizio della Pagina
Generated in 0.12 sec. Tradotto Da: Vincenzo Daniele & Luciano Boccellino- www.targatona.it Distribuito Da: Massimo Farieri - www.superdeejay.net Powered By: Snitz Forums 2000 Version 3.4.03